9 x 99

La Caserma della Guardia di Finanza di Coppito, a L’Aquila, divenuta quartier generale della Protezione Civile dopo il terremoto del 6 Aprile scorso ed attualmente sede del G8, veste in questa occasione anche i panni dello spazio espositivo: vi sono, infatti, state allestite una serie di mostre che illustrano la storia dell’arte abruzzese che si è salvata e quella di 45 monumenti gravemente danneggiati, da far “adottare” per essere recuperati.

Fra tanta distruzione, anche una mostra “eccentrica”, un momento di vitalità e uno sguardo verso il futuro, quella curata da Gioia Mori e realizzata da Comunicare Organizzando. Il titolo 9 x 99 allude alla presenza di 9 artisti per la città dei 99 castelli, ed è l’occasione per mettere in risalto diverse generazioni di scultori abruzzesi, con alcune presenze storiche, Venanzo Crocetti, Andrea e Pietro Cascella, e artisti delle ultime generazioni di fama e attività internazionali, Lea Contestabile, Licia Galizia, Paride Petrei, Oliviero Rainaldi, Sergio Sarra, Giancarlo Sciannella, nel cui lavoro è comunque possibile rintracciare le tracce della cultura più antica e della spiritualità che avvolge il territorio.

Il progetto di Gioia Mori parte da una lettura esoterica della città, da quella sua caratteristica di essere fondata sul numero “9”, numero magico. Un’occasione in più per la città delle 99 chiese, 99 piazze, 99 fontane, diventata per qualche giorno il centro del mondo.

Translate »