home Musei, Notiziario, Opere permanenti Agnese Purgatorio al MUSMA – Matera

Agnese Purgatorio al MUSMA – Matera

La collezione permanente del MUSMA, il Museo della Scultura Contemporanea di Matera, si è arricchita di una nuova, significativa, installazione nell’ipogeo di Palazzo Pomarici. Si tratta di Cerebrale di Agnese Purgatorio, una video-scultura-installazione realizzata nel 2016 in occasione di “Casa Futura Pietra #2”, mostra collettiva tenutasi nel Parco archeologico di Siponto. A breve distanza di tempo dall’esibizione di Portami al Confine, il progetto ideato per il museo da Valerio Rocco Orlando, denso di richiami alla memoria e all’azione condivisa, il Musma si sta orientando sempre più, per l’accrescimento della sua collezione, verso le ricerche più interessanti del contemporaneo, con un occhio di riguardo alla videoarte e all’installazione. Il lavoro di Purgatorio, esposto per la prima volta in un contesto permanente, sembra nato per gli ambienti ipogei che lo ospitano, complesso e stratificato sulle vicende della piccola e antica comunità degli Yazidi, comunità presente soprattutto nella regione di Mosul in Iraq. Nel video una sequenza di voci di donne yazide raccontano la fuga dai territori occupati mentre giunge allo spettatore attraverso il piccolo megafono di una bambina che, in un altro continente, replica una sorta di rito arcaico girando intorno ad un ulivo secolare. Il calco di un cervello bianco, inserito su una sorta di pietra filosofale scura, fa da contrappunto al discorso stimolando l’ascolto e l’attenzione. Si tratta di un’opera sui traumi della storia, sull’azione collettiva che nasce dai drammi del presente per trasformarsi in atto condiviso e corale, e che si struttura come poema e forma di pensiero legandosi certamente ad un’idea espansa di rappresentazione, lavorando sulla narrativa del corpo e sulla dimensione frammentaria del tempo.

Nata a Bari, Agnese Purgatorio vive tra Belgrado e Beirut e da tempo ha intrapreso un’indagine che scava nella memoria sociale alla ricerca di quel rimosso condiviso in grado di destabilizzare e condannare, con l’intenzione di riportare in superfice il celato sul quale operare sintesi formali e narrative.

 

MUSMA

Museo della Scultura Contemporanea di Matera

Via S. Giacomo, 75100 Matera MT