Antonio Presti, Le Rocce e altri racconti

Il fatto. Il 18 novembre del 2016 alla Fondazione Fiumara d’Arte, presieduta dell’artista-mecenate siciliano Antonio Presti, furono consegnate ufficialmente, da parte della Città Metropolitana di Messina, le chiavi del Villaggio Le Rocce di Capo Mazzarò, a Taormina, struttura turistica attiva dalla metà degli anni cinquanta ai primi anni settanta, negli anni ottanta divenuta di proprietà …

Si, No, Interrogativi e Riserve sull’Art-Week Bolognese

E anche quest’anno Arte Fiera si è chiusa mettendo in quota 42 edizioni. Arte Fiera la prima, Arte Fiera la storica, Arte Fiera che cerca se stessa… Ribadisco immediatamente il giudizio complessivamente positivo dato qualche giorno fa, anche se, tuttavia, necessita di essere ulteriormente argomentato poiché il mio SI porta comunque con sé molte riserve. …

Manifesta Palermo – Il giardino. Prima parte

Per considerare il corretto rapporto tra arte e natura, dobbiamo immaginare, su un piano, due semirette che, aventi la stessa origine, dirigono il proprio “sguardo” all’infinito per conto proprio; e cioè: esse sono sempre più vicine laddove spartiscono l’invisibile punto che le ha generate, e sempre più distanti agli estremi. Ebbene, questo essenziale schizzo costruito …

Riflessioni sul dopo Artissima 2017

A una settimana dalla chiusura di Artissima 2017, la prima firmata dalla nuova direttrice Ilaria Bonacossa, dopo avere lasciato decantare immagini e impressioni, proviamo a dare una possibile chiave di lettura e di visione di un universo sempre più difficile da decifrare. Come prima cosa bisogna tenere a mente quali sono i reali intenti di …

Riparliamo di Biennale – opinioni e sguardi di Segno

Continuiamo con il proporre gli approfondimenti più interessati pubblicati sul numero 263 di Segno per richiamare l’attenzione sulla  Biennale di Venezia Vi invitiamo a leggere l’ opinione di Pietro Marino in L’eco ovattato del mondo reale. Non si può dire che non abbia mantenuto le sue promesse Christine Macel, la curatrice francese del Centre Pompidou designata …

La moda della morte dell’arte

L’arte è morta? Chi può dirlo. Ciò che notiamo è la costante teorizzazione di un’arte non più in grado di incidere sul piano storico, e l’altrettanto costante produzione di massa di opere generosamente definite “artistiche”. Chi fu il primo ad affermare tale morte dell’arte? E qual è il suo stato di salute oggi? Nell’articolo alcune …

L’arte di farsi rispettare (dalla politica siciliana)

La politica è un’arte, non c’è dubbio. Alcuni considerano le due attività scisse, altri due faccie della stessa medaglia. C’è chi denota una pesante ingerenza della prima nei confronti della seconda, e chi è convinto che entrambe vivano in armonia. In Sicilia, invece? In un viaggio tra pagine di filosofia, di sociologia, poesie cantate e …

Riparliamo di Biennale – opinioni e sguardi di Segno

Della Biennale di Venezia se ne è parlato tantissimo nei giorni immediatamente successivi all’inaugurazione dello scorso 13 maggio, e in quel momento le opinioni, le polemiche e i giudizi non sono mancati. Tuttavia l’estate pare abbia addormentato la laguna facendo dimenticare a molti che la rassegna internazionale è tuttora in corso, e che chiuderà soltanto …

L’inesistenza del pubblico

Considerato secondario all’interno del sistema dell’arte, a volte non considerato affatto, il pubblico è in realtà il custode più importante del valore interno delle opere, nonché l’esclusivo destinatario. Ma quando nasce la coscienza del pubblico, e quando essa inizia a contestualizzare il suo compito? In un racconto surreale, l’analisi di una lacuna e la probabile …