home Notiziario, Recensioni COMPAGNI – AL POTERE LA FANTASIA!

COMPAGNI – AL POTERE LA FANTASIA!

AL POTERE LA FANTASIA! Una mostra a Carrara ricostruisce uno spaccato contemporaneo delle riflessioni sociali, politiche e di quotidianità che stanno attraversando il nostro periodo.

Curiosamente, non è facile né immediato trovare, alle nostre latitudini, esempi di personalità impegnate tra i figuranti delle arti visive nella seconda metà del Novecento, escludendo registi o cineasti vari e qualche fotografo (nemmeno troppi, comunque). L’esempio più lampante resta quello di Renato Guttuso, forse l’unico che sia riuscito a mantenere un equilibrio espressivo purpureo e nobile tanto nelle sue azioni politiche quanto nelle sue indagini pittoriche. Con questo non si vuol certo intendere un disimpegno o disinteresse totale da chi esercitava il mestiere dell’Arte, tuttavia gravita costantemente nell’immaginario collettivo l’idea dell’artista distaccato e insofferente verso la l’esercizio sociale.

In quest’ottica, acquista un pregevole interesse la mostra Compagni! Declinazioni contemporanee, progettata dall’Associazione YAB e CGIL di Massa Carrara e curata da Andrea Zanetti, dato che invita gli artisti a riflettere sulla propria percezione del sociale e, in particolare, della parola Compagni.

Il rischio della mostra a tema viene scongiurato dalla spiccata eterogeneità degli artisti coinvolti, fedeli al proprio linguaggio ma mai invadenti, facendo della diversità il valore aggiunto dell’esposizione, marcandone il senso collettivo preposto.

Spirito collegiale utile a qualificare lo spazio occupato, all’interno di un contesto industriale del Polo artistico S. Martino, in Carrara, quasi un ritorno alle origini socio-politiche del termine Compagni, per decenni fiancheggiato alla classe operaia, termine «ormai squalificato» come diceva Giorgio Gaber: è indubbio affermare che questa parola si sia dileguata dal lessico politico e probabilmente anche dall’uso comune (persino nelle scuole pare assopita). Non per caso, le Declinazioni Contemporanee risultano avere una massiccia forza evocativa, a tratti nostalgica, non solo nelle proposte fotografiche di Simone Conti, Lorenzo Devoti e Stefano Siani, o nelle installazioni video di Lorena Huertas e Stefano Lanzardo (foto e video sono i baluardi della Memoria), ma persino nelle forme e nelle tematiche individuali di ciascun artista, dalle inclinazioni fiabesche di Sabina Feroci e Enrica Pizzicori, all’analisi a ritroso dell’etimo di Compagni, “Cum – Panis”, dell’opera di Carolina Barbieri: il titolo della mostra è un termine del passato, un ricordo che nella dimensione attuale suscita un sentimento più indulgente che fragoroso.

Si nota, ad ogni modo, anche una decisa vena Pop, colorata e “povera”, nelle iconiche e proposte di Francesco Ricci, Francesco Siani e Zino (al secolo Luigi Franchi), gusto dosatamente ironico che equilibra picchi drammatici come l’installazione di Paolo Fiorellini, puntualmente collocata al centro della sala, riguardo d’allestimento che ritorna nelle due opere incentrate sul viaggio (ancora rievocazione), quella esplicita e carontiana di Aurore Pornin e quella metaforica e deandreiana nella forma-tipo della valigia-scatola da trasloco di Cristina Balsotti, le due colonne che guidano lo spettatore in questo giro di giostra, pardon, mostra.

In conclusione, Compagni! È un’esposizione che senz’altro fa riflettere; il vocabolo, così pregno di significato nel trascorso del Novecento, pare non abbia lasciato eredità semantica, eccetto, forse, almeno per quanto riguarda la Generazione Y, nella parola “Collega”: oggi si sta insinuando, per la precarietà in cui viviamo, l’affetto e l’uso del termine “collega”, si amano, si detestano, ma i “colleghi” diventano l’immagine e il memento di qualcosa di conquistato e rilevante, fautore di speranze che la politica e forse nemmeno l’arte riesce a procurare, a meno di non ripristinare quella vena ideologica e accendere uno scopo.

Compagni! Declinazioni contemporanee

 

a cura di: Andrea Zanetti

con la collaborazione di: Cristian Pardossi

organizzazione: CGIL Massa-Carrara, Yab

Fino al 20 agosto

luogo: complesso Giannotti Edilizia, via S. Martino 1 – Carrara (MS)

riferimenti: yabonlineblog.wordpress.com

 

Artisti:

Emiliano Bagnato, Cristina Balsotti, Carolina Barbieri, Simone Conti, Lorenzo Devoti, Sabina Feroci, Paolo Fiorellini, Lorena Huertas, Stefano Lanzardo, Melissa Mariotti, Roberta Montaruli, Enrica Pizzicori, Aurore Pornin, Francesco Ricci, Francesco Siani, Stefano Siani, Zino (Luigi Franchi).