5+1AA & Danilo Trogu

Lo studio di architettura 5+1 AA, in sinergia con Danilo Trogu (ceramista), mostra e racconta, il 31 agosto 2016 dalle ore 18 nel Parco di Villa Verlengia in Montesilvano (Pe), come il corpo e la materia dell’architettura generino uno strumento di dialogo universale,

Lo studio 5+1AA rappresenta, nello scenario architettonico contemporaneo, il più interessante esponente della cultura progettuale italiana.

Dopo la mostra si terrà una tavola rotonda durante la quale interverranno l’architetto Gianluca Peluffo e Danilo Trogu.
La serata sarà accompagnata dal duo Tiziana De Santis (Pianoforte) e Raffaello Giardino (Clarinetto).
L’evento, iniziativa di InArch Abruzzo/Molise, curata da Studio Zero85, si colloca anche all’interno del programma della Summer School 2016 organizzata dal Dipartimento di Architettura dell’Università “G. D’Annunzio”.
L’evento è aperto a tutti, è gratuito e durerà un solo giorno.

“Ciò che colpisce la nostra Anima ci fa esistere, mette in forma il mondo e quindi noi stessi. L’architettura deve essere una lenta, instancabile “educazione sentimentale”.
Non priva di errori.
Assolutamente non priva di errori.

Il rapporto della nostra Anima, del nostro individuo con la realtà permette di vedere, conservare, coltivare, sviluppare qualcosa di commovente, una “illusione miracolistica”, uno stupore.

Il lavoro sulla ceramica che Danilo Trogu realizza sulle nostre piante, sui nostri sogni, è un lavoro sull’anima e sulla materia.
Noi siamo fatti della stessa materia del mondo.
La terra è atavica, profonda, primitiva; per questo appartiene a tutti.

Se l’architettura è un corpo, questi modelli ne mettono a nudo la materia sentimentale.”

Alfonso Femia, Gianluca Peluffo (5+1 AA)

Alfonso Femia e Gianluca Peluffo, soci fondatori dello studio 5+1 (1995), nel 2005 fondano 5+1AA, che traduce l’attività dello studio in una visione integrata del progetto come ricerca interdisciplinare e nel 2006 aprono a Milano un nuovo atelier, luogo di sperimentazione e indagine sulla città contemporanea.

Sono stati invitati ad esporre il loro lavoro a Parigi (IIC_1998), Zurigo (ETH_2001), e Firenze (SESV_2001), partecipando inoltre alla VIII (2002) e IX (2004) Biennale di Architettura di Venezia. Segnalati al Premio Borromini (2001), al Mies van der Rohe (2002) e alla Medaglia d’Oro della Triennale (2003), sono vincitori con il Campus di Savona, il Museo Archeologico di Aquileia e la Caserma di Finanza di Albenga di premi all’opera. Nel 2002 ricevono la menzione speciale per l’Hoesch Design Award. Nel 2003 per l’attività di ricerca sono stati insigniti del Titolo di Benemerito della Scuola della Cultura e dell’Arte del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Pubblicati nelle principali riviste e collane d’architettura, nel 2001 Skira pubblica una monografia: ‘5+1. L’ombra delle idee’. Nel 2005 vincono con Ricciotti il concorso internazionale per il Nuovo Palazzo del Cinema di Venezia. Sono finalisti nei principali concorsi di architettura internazionale. Nel 2006 vincono i concorsi per la città dei Ministeri a Guangzhou (con MGA e RBA) e per la riqualificazione degli immobili Generali Properties a Milano. Tra i lavori in corso di realizzazione l’area dei Frigoriferi Milanesi e la Nuova Agenzia Spaziale Italiana a Roma, Nuova sede BNL-BNP Paribas a Roma, Torre Orizzontale a Milano Fiera, Università di Comunicazione e Lingue a Milano, Nuova sede nella ex-caserma Ferdinando di Savoia a Roma, Les Docks a Marsiglia … sono solo alcune delle loro realizzazioni).

Danilo Trogu si è diplomato nel 1975 presso il Liceo Artistico “A. Martini” di Savona. Diplomato Conservatore e Restauratore della Ceramica nel 1980 presso la Scuola di Ceramica di Albisola.
Vive e lavora nel suo laboratorio artigiano “La Casa dell’Arte” ad Albisola Capo in provincia di Savona.

Hanno scritto di lui: Enzo Biffi Gentili, Sebastiano Brandolini, Cecilia Chilosi, Viana Conti, Giorgio Lilli Latino, Claudio Parmiggiani, Gianni Ravello, Elisabetta Rota, Franco Sborgi, Antonio Schiesaro.
Il tema della mostra risulta affascinante grazie al rapporto sinergico che si crea tra il progettista e l’artista che con la ceramica restituisce la forma alle idee dell’architetto. Oltre la mostra si terrà una tavola rotonda durante la quale interverranno l’architetto Gianluca Peluffo e Danilo Trogu.

L’evento, a cura di InArch Abruzzo e Molise e di Studio Zero85, si colloca anche all’interno del programma della Summer School 2016 organizzata dal Dipartimento di Architettura dell’Università G. D’Annunzio
L’evento è aperto a tutti, è gratuito e durerà un solo giorno.

Tra i soggetti coinvolti, a vario titolo, nel progetto figurano ANCE Abruzzo, Madis Costruzioni, Dipartimento di Architettura “Università G. D’Annunzio”, Comune di Pescara, Regione Abruzzo, Camera di Commercio, oltre ai sponsor tecnici come Madis Costruzioni, Inprinting, CasaMaki, Tema Interni e Colantonio Mobili.



Sto caricando la mappa ....

Data e Ora
31/08/2016 / 18:00 - 23:00

Luogo
Villa Verlengia