Aperto_art on the Border

Aperto_art on the border è il progetto di arte pubblica che da ormai sette anni interpreta i saperi e i luoghi della Valle Camonica, per rivitalizzare l’antica tradizione artigianale delle piccole Comunità locali.
L’intreccio con nocciolo, la tessitura dei pezzotti con il riutilizzo di stoffe, il riciclo della lana, la stampa e la piegatura della cartasaranno le attività artigianali protagoniste di aper-to_2017, attraverso le opere degli artisti Stefano Boccalini, Emilio Fantin, Giuseppe Stampone e Margherita Moscardini.
Gli artisti, che sonostati invitati e selezionati, opereranno come soggetti culturali innovatori in residenza, a stretto contatto con le Comunità locali e collaborando attivamente con gli artigiani portatori di questi antichi saperi. L’intento è quello di coniugare alla tradizione locale la creatività artistica e contribuire così alla rivitalizzazione del territorio della Valle Camonica con opere evocative e poetiche.
Per coinvolgere e appassionare un pubblico sempre più ampio, e non solo di residenti, aperto_2017 organizzerà attività laboratoriali che sperimenteranno nuove forme di creatività attraverso l’utilizzo di antiche tecniche. Inoltre, saranno proposti dei pacchetti di turismo esperienziale, in cui sarà possibile visitare e partecipare alle attività artigianali della tradizione Camuna, direttamente sul territorio.
Laboratorio/residenzaè la modalità utilizzata,per fare in modo che le opere vengano concepite all’interno dellaValle Camonica, in stretta aderenza ai temi individuati e alle esigenze di valorizzazione culturale e sociale dei luoghi specifici.Gli artisti selezionati,oltre a realizzare un’opera, condurranno un workshop aperto in collaborazione con i gestori dei tre luoghi di lavoro,con gli operatori del settore ele comunità dei residenti,che custodiscono memorie e saperi.

Stefano Boccalini opererà a Monno e Bienno sul tema dell’intreccio in legno, collaborando con gli artigiani dei due paesi che producono piccoli oggetti con rami di salice e di nocciolo.
Emilio Fantin lavorerà a Malonno e Malegno individuando, con artigiani del settore nuove modalità di trasformazione e riutilizzo della lana.
Margherita Moscardini collaborerà con le donne artigiane di Monno e altri paesi per pro-durre nuove forme e modelli di pezzotti, proseguendo nell’operazione di rilancio della tessi-tura iniziata lo scorso anno.
Giuseppe Stampone avrà come riferimento la stampa e piegatura della carta, e come base di lavoro Artogne e il Museo della stampa.

aperto_art on the border è una manifestazione di arte contemporanea che si svolge in Valle Camonica, un progetto pluriennale di arte pubblica che assume come riferimento fondamentale le comunità, l’ambiente e la storia, attivando esperienze artistiche capaci di radicarsi nell’ambiente e di stabilire un colloquio dialettico con i luoghi e la storia. Aperto_ istituisce luoghi d’incontro tra le radici del territorio e la cultura contemporanea.

aperto_art on the border realizza opere di arte contemporanea che dialogano in modo poetico e culturale con i luoghi e le Comunità di Valle Camonica. L’edizione di quest’anno,confermando il suo stretto legame con le piccole realtà della Valle dei Segni, con le loro tradizioni locali e il loro fare artigiano, si relaziona ai saperi della tradizione interpretandoli come ‘beni pubblici’ capacidi suggerire processi di rinnovamento e nuove forme produttive. Come i progetti del Distretto Culturale aperto_ e Segno artigiano testimoniano, la sapienza manuale e tecnica degli abitanti, unita alla creatività di artisti e designer, può dare un significativo contributo all’innovazione.



Sto caricando la mappa ....

Data e Ora
14/10/2017 / 11:00 - 20:00

Luogo
Sedi Varie