Connessioni Interpersonali

Le relazioni umane sono l’oggetto di questa mostra, interpretate attraverso le poetiche di dodici artisti internazionali, e con opere tutte come sempre provenienti dalla collezione dell’OGA.

Mahedi Anjuman (Bangladesh, 1987) vive a Reno e studia presso il Masters of Fine Arts dell’Università del Nevada. È nata in Bangladesh, la terra dei mistici. È molto coinvolta nello sviluppo dell’arte concettuale contemporanea e nella sperimentazione di mezzi d’arte. È stata ispirata dall’affermazione di Joseph Beuys, “tutto è arte e ognuno è un artista”. È incuriosita dall’esistenzialismo e dall’impatto psicologico dell’essere nella reazione all’azione.

Neno Belchev (Varna, Bulgaria, 1971). Diplomato alla National Academy of Art di Sofia, in Bulgaria, Belchev lavora come videoartista e regista, ma anche con la performance, l’installazione, la scultura, i nuovi media ed è curatore indipendente. Ha partecipato a moltissime mostre collettive internazionali. Il suo approccio è sempre quello di cercare di guardare oltre la superficie delle cose, nella loro vera essenza, anche attraverso la provocazione, riflettendo su come il mondo sta cambiando sotto i nostri occhi. Usa molto spesso l’umorismo, ma prende molto sul serio la sua arte.

Harry Rubin Falcone (New York, USA, 1991) ha studiato Fisica e Matematica all’Oberlin College ed ora è Brain Image Analyst presso il Columbia University Medical Center di New York. Ha creato cortometraggi animati con colonne sonore originali dal 2015 e il suo lavoro è stato presentato in diversi festival a livello internazionale. Nel video proiettato in mostra una madre e una figlia trascorrono una giornata autunnale discutendo di ansia, genitorialità e dubbi su una terrazza che si affaccia su una città movimentata, mentre un falco si unisce a loro.

Kuesti Fraun (vero nome Chris Brandl. Wiesbaden, Germania, 1976) Laureato in drammaturgia, cinema e tv, ha fondato nel 1999 il collettivo creativo Mobtik. Pluripremiato cineasta indipendente, le sue opere sono state proiettate al Museo del Louvre di Parigi (International Public Art Short Film Contest 2015), al Museo di arte multimediale di Mosca, all’EXPO di Milano, al Kunstpalast di Düsseldorf. ll breve video presente in mostra esplica in modo efficace il concetto di tolleranza.

Werther Germondari (Rimini, 1963) Artista visivo, performer e filmmaker. Attento a dinamiche innovative sperimentali neo-concettuali che si caratterizzano per un gusto ironico e surreale, svolge dai primi anni ottanta una ricerca attraverso numerosi media espressivi. Ha partecipato a esposizioni in gallerie private e spazi sperimentali, alternando installazioni d’ambiente, videowork e atti performativi, focalizzando l’attenzione su elementi nascosti, attinenti a una visione reale, sociale e politica.

John Harlan Norris (Nicholasville, USA, 1978) John Harlan Norris è un artista e musicista. Il suo lavoro esplora approcci alternativi alla ritrattistica e indaga nozioni come l’identità professionale e le costruzioni virtuali del sé. Il suo lavoro reinterpreta il genere della ritrattistica per parlare del nostro momento attuale. Il suo attuale corpo di lavoro, Disintegrants, descrive un senso di disincarnazione che può verificarsi quando le immagini mediate e le relazioni virtuali delle nostre vite digitali iniziano a rendere tangibili le nostre forme fisiche.

Fenia Kotsopoulou (Pyrgos, Grecia, 1981) è un artista interdisciplinare che attualmente vive in Inghilterra (Lincoln). Tutta la sua ispirazione viene dalla vita quotidiana, dall’osservazione delle relazioni interpersonali, dai luoghi abbandonati, dagli approcci filosofici sulla soggettività. Daz Disley (Lincoln, USA, 1977) è un artista britannico multidisciplinare che lavora nel campo della fotografia e della tecnologia del suono. Daz adotta un approccio musicale per lavorare nel regno visivo, spesso creando software su misura per consentire le sue produzioni.

Francesca Leoni (Forlì, 1977) è nata in Italia ma è cresciuta in Brasile. Dopo il liceo si è trasferita negli Stati Uniti dove si è laureata in Scienze della comunicazione all’Università della Carolina del Nord a Wilmington. Durante il college ha iniziato il suo primo studio teatrale e performance facendo parte di produzioni teatrali e cortometraggi. Tornata in Italia ha iniziato a lavorare con produzioni video e ha continuato a studiare teatro e performance. In particolare ha studiato cinema con il regista italiano Marco Bellocchio. Mettere insieme video e performance è stato sempre il suo obiettivo.

Slawomir J Milewski (Puck, Polonia, 1979). Artista e cineasta polacco con base a Londra, ha completato il Master all’Università di Belle Arti di Poznan, in Polonia. Ha ricevuto una borsa di studio dalla Universite Rennes 2, a Rennes, in Francia. I suoi film sono stati presentati e premiati in numerosi festival e mostre in Nord e Sud America, Europa e Australia. Il video in mostra è uno studio per un lavoro più ampio che rimanda al tema Bataille-esqué della trasgressione e al mantenimento di ciò che è trasgredito.

Mikio Saito (Sapporo, Giappone, 1978) è un artista visivo di Sapporo. Laureato presso l’Università di Waseda, Tokyo, Giappone (2000) e Städelschule, Francoforte, Germania (2007) e ha un Master in Fine Arts. Il suo interesse nel fare arte è quello di esplorare alcune idee comuni / simili in diverse culture. Le idee locali sono spesso correlate a una certa parte di universale, allo stesso tempo. È interessato ad evidenziare il contrasto o la poca differenza, e ciò che hanno in comune le diverse tradizioni.

Shivkumar K V (Vijayawada, India, 1982) è un artista multidisciplinare che lavora e si ispira alle questioni relative all’ambiente, alle lotte e alle problematiche sociali. Last exhibitions: TIME Is Love Show, ZKM Museum, Germany, 2017;  HearteartH 2016, Berlin; nodoCCS, International Video art Festival, Caracas, Venezula-OCT 2016; Project 92, Parachute Light Zéro Act, III Edition, Paris, 2016; Time, Peace and Humanity, artvideoKOELN, Torrance Art Museum LA, 2016; Call4Robot – XLR8, Internat. Video art Festival, Bologna, 2015.

 

OSPIZIO GIOVANI ARTISTI

COMUNICATO STAMPA

Mostra: CONNESSIONI INTERPERSONALI

Artisti: Mahedi Anyuman, Neno Belchev, Harry Rubin Falcone, Kuesti Fraun, Werther Germondari, John Harlan Norris, Fenia Kotsopoulou e Daz Disley, Francesca Leoni, Slawomir J Milewsky, Mikio Saito, Shivkumar KV.

Luogo: Ospizio Giovani Artisti

Indirizzo:  via Cernaia 15 – Roma

InaugurazioneMercoledì 21 novembre 2018, h18 (fino h20.30)

Periodo:  21 novembre – 3 dicembre 2018

Orario:  solo su appuntamento, scrivendo a wgermondari@mac.com



Sto caricando la mappa ....

Data e Ora
21/11/2018 / 18:00 - 20:30

Luogo
Ospizio Giovani Artisti