Elia Cantori

In occasione di ArteFiera 2018, Banca di Bologna è lieta di presentare nella sede della sua Direzione generale un progetto dell’artista Elia Cantori (Ancona, 1984). In Piazza Galvani 4, Cantori esporrà alcuni nuovi fotogrammi – ovvero impressioni fotografiche dirette, senza la mediazione dell’obiettivo – della serie Dead Constellation, e alcune sculture in alluminio della serie Untitled (1:1 Map) (2016).

Al piano terra della Direzione generale di Banca di Bologna – una stanza la cui vetrina si affaccia su Piazza Galvani – Cantori espone alcuni nuovi esemplari della serie Dead Constellation [Costellazione morta], iniziata nel 2011. In apparenza, sono fotografie del cielo stellato. Di fatto, si tratta di impressioni dirette di una manciata di polvere di meteorite disposta sulla carta fotografica. Esposta alla luce, la carta si impressiona; restano esclusi i punti coperti dai corpuscoli di meteorite, che, una volta sviluppato il fotogramma, appaiono come luminosi punti bianchi sul nero. La polvere di meteorite – eco di una “costellazione morta”, disintegrata miliardi di anni fa – dà vita sulla carta a una nuova costellazione, immaginaria. Le opere stabiliscono un felice dialogo con il nuovo video di Erin Shirreff, Son, esposto in contemporanea nel Salone Banca di Bologna di Palazzo De’ Toschi: come Cantori crea un’immagine astronomica in camera oscura, così l’artista di origine canadese, nel suo filmato di animazione, mette in scena un’eclissi totale di sole nello studio.

Le sculture della serie Untitled (1:1 Map) [Senza titolo (Mappa in scala 1:1)] sono calchi in alluminio, realizzati con la tecnica tradizionale della fusione in stampo di sabbia, di alcune mappe che l’artista conservava in studio. Del contenuto delle mappe – la regione a cui si riferiscono, la scala, eccetera – la superficie in alluminio non rivela nulla; ritiene invece, ed enfatizza, le linee i piegatura, le tracce dell’uso e dell’usura. Le sculture sono dunque mappe (in scala 1:1, quella del calco) di mappe; non parlano del mondo, ma degli strumenti con cui lo raffiguriamo. Insieme, i fotogrammi e le sculture imbastiscono un discorso sui limiti (e il fascino) della rappresentazione cartografica.



Mappa non disponibile

Data e Ora
02/02/2018 / 18:00 - 21:00

Luogo
Direzione generale Banca di Bologna