GALLERIE APERTE nelle 5VIE Arte e cultura si incontrano

Dopo il successo della prima edizione,torna quest’anno rinnovato l’evento GALLERIE APERTE 2018. Giovedì 29 novembre le gallerie d’arte milanesi appartenenti al distretto 5VIE si riuniranno per un’apertura serale eccezionalmente sincronizzata, proponendo brevi talk sull’arte a tutto tondo. 

Il format Gallerie Aperte, rivelatosi vincente nella scorsa e prima edizione, si ripete anche quest’anno, con alcune importanti novità. Giovedì 29 novembre, dalle 17,00 alle 22,00 con apertura serale straordinaria, ogni galleria del distretto aderente all’iniziativa inaugurerà la propria mostra in un clima di condivisione e passione per l’arte e per il quartiere.

Il valore aggiunto e una delle più importanti novità di questa edizione riguarda un programma di brevi talk che si susseguiranno all’interno delle gallerie, proponendo temi differenti sull’arte a 360° e avvalendosi del contributo di noti esperti del settore. I talk, della durata di 10 minuti ciascuno, si susseguiranno nelle varie gallerie con un intervallo di 5 minuti tra uno e l’altro, proponendo una vera e propria maratona culturale. Questo format inedito ha l’obiettivo di stimolare ogni fruitore che potrà scegliere i dibattiti a cui partecipare, partendo dal proprio ambito di interesse. Tutti i talk verranno condotti da relatori d’eccezione con il coordinamento di Jean Blanchaert, amico e supporter di 5VIE oltre che noto gallerista, curatore e poliedrico interprete della cultura contemporanea.

Da quest’anno 5VIEallarga i suoi confini fino ad arrivare alle vivaci Via Vincenzo Monti, Corso Magenta e Via San Giovanni sul Muro, passando dalla proposta di fotografia politica contemporanea di PodbielskiContemporary alla selezione di raffinati oggetti da collezione di Tomaso Piva; da Pescetta Antichità e Decorazionecon la sua innovativa proposta di e-commerce alla galleria Forma Meraviglicon i suoi fotografi d’eccezione. Alle installazioni dei giovani artisti di Viasaterna si accosta la giovane presenza diTommaso Calabro.                                                                                                                                                               Merita sicuramente una visita Officine Saffi, ex sede della storica officina meccanica, oggi laboratorio e straordinaria galleria punto di rifermento internazionale per la ceramica contemporanea. Sempre in Via Saffisi trova Maddalena Tabasso Antichità, bottega dal raffinato sapore e specializzata inpapier machè.                                                                                                                                                                     New entry anche la galleria d’arte contemporanea L’Affichein Via dell’Unione, specializzata in arte grafica e costola dello storico negozio in via Nirone.

Resta compatto il gruppo delle gallerie nel cuore del distretto, tra le caratteristiche Vie Santa Marta, San Maurilio e dintorni: ARTESPRESSIONE, The Pool NYC, 29 ARTS IN PROGRESS gallery, Scultura italiana di Dario Mottola, Alberto Levi Gallery, Galleria Rubin, SPAZIOBIGSANTAMARTA, Deodato, Gilda Contemporary Art, Alson Gallery, Nuova Galleria Morone, Mario GiustiHQ headquarter; galleristi attenti che propongono una carrellata di proposte di grande qualità per approcciare i diversi ambiti di ricerca artistica. Uno scenario artistico ampio, all’interno del quale la proposta dei brevissimi talk potrà offrire al pubblico molteplici spunti di riflessione, aperti a successivi approfondimenti. Per facilitare lo spostamento tra una galleria del distretto e l’altra, saranno messi a disposizione per l’occasione alcuni VeloLeo, moderni rickshaw ecologici a pedali.

L’università Cattolica del Sacro Cuore collabora all’evento mettendo a disposizione 15 studenti del corso di laurea specialistica in Storia dell’Arte che rivestiranno il ruolo di Gallery Guide per accompagnare i visitatori e raccontare le gallerie.

L’evento potrà essere seguito sui nostri canali social e attraverso il blog 5VIE che sarà animato da brevi interviste aigalleristi.

In occasione dell’evento, alcune selezionate aziende vinicole offriranno il loro prodotto. In ciascuna galleria sarà possibile degustare un calice di vino, ciascuno espressione di un territorio, che dalle dolomiti alle isole mediterranee racconta le mille sfaccettature della grande produzione vinicola italiana ad alta vocazione.

L’evento è libero e aperto a tutti gli appassionati e i curiosi che vogliono ammirare le esposizioni

concedendosi una pausa tra arte contemporanea e antiche rovine romane. Un’inedita passeggiata per le storiche vie del centro di Milano, da sempre ricche di importanti riferimenti artistico-culturali.

Come l’anno scorso, alcune boutique del distretto 5VIE approfitteranno di questa iniziativa culturale per aprire le loro porte con orario speciale e organizzare eventi ad hoc. Tra queste, ad esempio, OMNIA di Silvia Maria Gilda Genovese (Piazza Bertarelli 4, ingresso via Disciplini 1),

The Cloister (Via Valpetrosa 5, www.thecloister.store) e Flowear (Via San Maurilio 14).

5VIE art+design, progetto di marketing territoriale e culturale per il rilancio del centro storico di Milano, volto alla creazione di un modello virtuoso di sostenibilità di quartiere, si presenta in questa occasione come collettore di energie in un’iniziativa che vuole porre il mondo dell’arte e del collezionismo al centro dell’attenzione per una sera.

Qui di seguito il programma completo con l’elenco delle gallerie e delle loro mostre, il calendario dei talk e le cantine vinicole presenti:

PROGRAMMA TALK 29 NOVEMBRE IN ORARIO 17.00/22.00

  1. h. 17.00 – 29 ARTS IN PROGRESS gallery – Via San Vittore, 13 – “Le Temps Retrouvé” dialogo tra Alain Laboile e Giovanni Pelloso
  2. h. 17.15 – PescettaAntichità e Decorazione– Corso Magenta, 96 – “Gallerie d’arte, antiquariato e design. Vendite online, nuove frontiere” a cura di Camilla Pescetta
  3. h. 17.30 – Maddalena Tabasso Antichità– Via Saffi, 7 – “Papier maché” a cura di Paolo Lòndero/Jean Blanchaert
  4. h. 17.45 – Officine Saffi– Via Saffi, 7 – “La scultura in ceramica tra Giappone e Europa” a cura di Matteo Zauli
  5. h. 18.00 – Viasaterna– Via Leopardi 32 – “Il tema delle residenze e dei giovani artisti”
  6. h. 18.15 – Podbielski Contemporary– Via Vincenzo Monti, 12 – “Moving Worlds ||” a cura di Gigliola Foschi
  7. h. 18.30 – Tomaso Piva– Via Meravigli, 18 (ingresso San Giovanni sul Muro) – “Lino Tagliapietra, Flying boats 1998” a cura di Jean Blanchaert
  8. h. 18.45 – The Pool NYC– Via Santa Maria Fulcorina, 20 – “Arte Contemporanea in Cina” a cura di Maurizio Bortolotti
  9. h. 19.00 – Contrasto Galleria / Forma Meravigli– “Il collezionismo” a cura di Alessia Paladini
  10. h. 19.15 – Galleria L’Affiche– Via dell’Unione, 6 – “Landscapes” a cura di Jacqueline Ceresoli
  11. h. 19.30 – ARTESPRESSIONE– Via della Palla, 3 – “Dialogo con Mauro Balletti” a cura di Matteo Pacini
  12. h. 19.45 – Mario Giusti HQ headquarter– Via Cesare Correnti, 14 – intervento a cura di Davide Rampello
  13. h. 20.00 – Scultura italiana di Dario Mottola– Via Santa Marta, 21 – “un excursus sulla Scultura Italiana” a cura di Dario Mottola
  14. h. 20.15 – SPAZIOBIGSANTAMARTA– Via Santa Marta, 10 – “Riallineamenti nel Contemporaneo – Tracce di dialogo fra arte, design, moda, società” con: Giulio Ceppi, designer, Fortunato D’Amico, curatore e critico d’arte. Introduce e modera: Lorenzo De Donato, giornalista
  15. h. 20.30 – Galleria Rubin– Via Santa Marta, 8/10 – “Musei e gallerie d’arte” a cura di Paolo Biscottini
  16. h. 20.45 – Deodato– Via Santa Marta, 6 – “Tecnologie informatiche come nuovo media al servizio dell’arte” a cura di Deodato Salafia
  17. h. 21.00 – Alberto Levi Gallery– Via San Maurilio, 24 – “Il tappeto orientale nell’occidente contemporaneo” a cura di Alberto Levi
  18. h. 21.15 – Gilda Contemporary Art– Via San Maurilio, 14 – “PARLARE NATURA” a cura della gallerista Cristina Artese
  19. h. 21.30 – Alson Gallery– Via San Maurilio, 11 – “Il sorpasso dei privati” a cura di Giulio Ciavoliello
  20. h. 21.45 – Nuova Galleria Morone– Via Nerino, 3 – “Gallerie, luoghi, strade. Gli spazi espositivi come elementi di caratterizzazione dell’ambiente territoriale” a cura di Francesco Tedeschi
  21. h. 22.00 – Tommaso Calabro– Piazza San Sepolcro, 2 – “L’importanza del rapporto tra collezionisti e gallerie” a cura di Giuseppina Caccia Panza di Biumo

 

MOSTRE GALLERIE

 In mostra da 29 ARTS IN PROGRESS gallery alcune delle più significative opere del fotografo francese Alain Laboile. L’esposizione, dal titolo ‘Le temps retrouvé’ e curata da Giovanni Pelloso, riunisce trenta opere fotografiche dal 2007 a oggi di un progetto ancora aperto che documenta ciò che egli stesso ha definito come una “testimonianza sociologica del nostro passaggio sulla Terra”.  Un passaggio che Laboile scandisce ritraendo le gioie e i dolori dei suoi sei figli cresciuti in una vecchia casa nella campagna vicino a Bordeaux dove i bambini, lontani da meccanismi e influenze del consumismo moderno, sono liberi di giocare all’aria aperta.

Alberto Levi Galleryinaugura la mostra “Il tappeto Orientale nell’Occidente Contemporaneo”, una collezione composta da diverse tipologie di tappeti Orientali tutti espressione dell’antica maestria di tessitura fortemente legata alla tradizione, che si lega ed esprime la modernità di cromie ed essenzialità occidentale contemporanea. Una parte dei tappeti esposti sono Kilim contemporanei tessuti a mano in Persia, altri sono Tappeti Berberi antichi e Contemporanei del Marocco, altri ancora sono nuove tessiture provenienti dalla Colombia in fibra di Fique e fili di metallo. L’obbiettivo della Alberto Levi Gallery è quello di presentare il tappeto come opera d’arte e al contempo come elemento essenziale dell’arredamento d’interni. I tappeti contemporanei possono essere ordinati su misura personalizzando il colore, il disegno e le dimensioni.

Da Alson Gallery“Art & Fashion Archives” raccoglie i pezzi più significativi dell’artista Pasquale Bonfilio, creative designer dell’arte del cappello e del lavoro di Christian Venezia 1973 che si trasformano in accessori preziosi, unici e straordinari grazie alle loro sapienti manualità, alla tecnica e all’innato gusto per il lusso.

Fotografo di moda e di pubblicità, pittore, regista, scultore, produttore di video musicali e, dal 1973, grafico e fotografo ufficiale della cantante Mina (per la quale ha realizzato tutte le copertine dei suoi album): Mauro Balletti è tutto questo e molto altro. Nella mostra “Mauro Balletti – nuove opere 2018” a cura di Matteo Pacini, la seconda presso la galleria ARTESPRESSIONE di Milano, dal 29 novembre al 20 dicembre 2018 l’artista milanese presenterà una serie di lavori su carta (tra i quali alcuni inediti), realizzati a china o matita e provenienti dal suo mondo parallelo, a metà tra fantasia e quotidiano che, con tocco da maestro, Balletti rende straordinario.

Contrasto Galleria / Forma Meraviglipresenta “il Giardino Incantato”. Fotografie di Gianni Berengo Gardin, Francesco Bosso, Piergiorgio Branzi, Lorenzo Cicconi Massi, Mario Giacomelli, Irene Kung, Marco Pesaresi e Sebastião Salgado.

La Galleria DEODATO Arte di via Santa MartapresentaJesus Pop Superstar”, mostra che riunisce opere di artisti contemporanei che hanno utilizzato l’immagine di Gesù Cristo per trasmettere un messaggio popolare, non necessariamente legato a un significato religioso. Tomoko Nagao trasporta l’immaginario cristiano dell’Ultima Cena e della Natività nel mondo della Japan Pop; Mr. Savethewall, invece, utilizza i celebri Cristo di Mantegna e Michelangelo per riflettere sulla situazione precaria e critica dello Stato italiano. In mostra anche un’opera poco nota, ma oltremodo significativa, del grande Andy Warhol.

In via Nerino DEODATO Arte presenta invece “#alzailculo. Un artista e un designer a fattor comune”, inedita e inaspettata collaborazione tra Mr. Savethewall e Mario Prandina, designer tra i fondatori del Fuori Salone. Dall’incontro tra i due non poteva che risultare un comune denominatore: belle idee sì, ma bisogna alzare il culo per realizzarle! Mr. Savethewall e il volto di “Plinio il Giovane” realizzeranno una performance live durante la serata e presenteranno in anteprima le creazioni nate da questa querelle.

La Galleria L’Affiche presenta: “Riassunto delle puntate precedenti – Landscapes”, mostra di fine anno, presentata da Jacqueline Ceresoli. Editori che presentano libri; editori che presentano libri degli artisti presenti (cinque nuove edizioni di Alberto Casiraghy,); artisti presenti che presentano le loro mostre: 1) paesaggi con libro (40 carboncini su carta di Guido Scarabottolo); 2) paesaggi con lettori, (quadreria di collage 3D di Alfred Drago Rens); 3) paesaggi immaginari (teche di Chiara Passigli); 4) paesaggi sottovetro (carte e teche di Francesco Bocchini); 5) sculture per un paesaggio (servitori muti con libri, di Icio Borghi).  Orfani di un paesaggio, presentano i loro libri d’artista Adriano Attus (“Stupore”, leporello di 2,5 metri), Raffaella Valsecchi (“Autobiografia di un Narciso”), Maurizio Minoggio (libri senza titolo per una biblioteca di chiara identità). Purtroppo Cesare Montalbetti non c’è piu. Il suo monumentale L’Eroe, libro d’artista multiplo dell’inizio degli anni ’80, compare praticamente per la prima volta. Le Edizioni della Galleria l’Affiche presentano XXS, 684 pagine. 320 disegni di Guido Scarabottolo dal 2000 al 2019 (20 calendari in 20 anni).

Galleria Rubino spita “Massimo Giannoni – La via dell’orto”. In un italiano antico e idiomatico la via dell’ortorappresenta simbolicamente la strada conosciuta, la stessa che Massimo Giannoni, con rigorosa fedeltà ad immagini di un repertorio ormai classico (le librerie, le borse valori, le sale in penombra di antiche biblioteche), ha imboccato all’inizio della carriera per non abbandonare più. L’immagine, tuttavia, non è il suo traguardo, e Massimo Giannoni si propone a buon diritto come un moderno ricercatore del linguaggio pittorico.

Gilda Contemporary Art presenta “Memorandum”, personale di Denis Riva curata da Cristina Gilda Artese e Alessandra Redaelli. L’esposizione è composta da una serie di opere recenti, rappresentanti una natura onirica e inquieta attraverso dipinti e tecniche miste ottenute mescolando pittura e collage e procedendo a una costante e infinita stratificazione di materiali. Ricerca, accumulo, trasformazione e lunga elaborazione dell’opera fanno del suo lavoro un inno alla memoria come ricchezza e alla natura come depositaria di ogni memoria e di ogni valore.

Maddalena Tabasso Antichità presenta le sculture in papier machè di Paolo Londero, uno dei massimi maestri in quest’arte, oggi, in Italia. L’artista si ispira principalmente alla Natura e al Mare, ma la sua fantasia lo può portare anche verso i primati o in qualsiasi altra direzione, arredamento compreso. Le opere in mostra saranno circondate dai più disparati magnifici oggetti d’antiquariato che popolano la galleria.

Giuseppe Barilaro pittore, Luca Centola fotografo presentano da Mario Giusti HQ headquarter “Il mondo è roba dell’altro mondo, mostra in forma di coro, senza Alice…” una mostra liberamente ispirata dalla figura di Alice di Carroll e a più dimensioni visive e narrative. Un lungo racconto di immagini scandito da melodie apposite create da Francesco Coriale, da fasi di luce, tele usate come un coro di Ignazio Schifano e dal viandante, racconto/dialogo scritto da Riccardo Pariano, la voce che in silenzio penetra il boato all’interno dei quadri dipinti.

La Nuova Galleria Morone è lieta di presentare “Io(T)>>(W) – From Internet of Things to Internet of Wonder”,personale di Davide Coltro, un excursus sul progetto del “Quadro Elettronico”, esperienza sulla quale l’artista ha fondato la propria riflessione teorica. L’impatto della tecnologia nella storia dell’arte gli fa assumere i “generi della pittura” come strumenti per indagare il mistero dell’immagine fino a giungere alla “pittura oltre la materia” che anima le sue opere. Coltro, creando un flusso di esperienze estetiche, le distribuisce sui suoi “terminali artistici remoti”, gli schermi divengono tele elettroniche che mettono in relazione autore e fruitori, trasformando questi ultimi in “spettattori” attivi in una costruzione di senso che li coinvolge.

Officine Saffi è lieta di presentare “Shozo Michikawa: Natura, Gesto, Scultura”, mostra celebrativa dei quarant’anni di attività di Shozo Michikawa, tra gli artisti ceramisti giapponesi più riconosciuti su scala globale. La grandezza del lavoro scultoreo di Michikawa risiede nel celare il suo gesto, renderlo talmente empatico alle dinamiche naturali da parer quasi invisibile. Un gesto rapido, nitido e deciso, che esplicita in pochi istanti un sapere secolare; un gesto animato da una rapidità di esecuzione così fulminea e precisa al tempo stesso, da poter fluire soltanto da una padronanza tecnica e da un nitore ideativo assoluti.

Pescetta Antichità e Decorazione presenta “Lucida pazzia. L’eclettismo nell’arredo”. Laboratorio di idee per la creazione di spazi in cui oggetti e arredi dialogano in modo fluido ed elegante, in un susseguirsi di citazioni dagli anni 20 agli anni 70. Racconto dell’’arte di unificare il disegno compositivo dell’arredo con sapienti contrasti cromatici e meditati equilibri spaziali tra vuoti e pieni. Un momento di confronto tra esperti e neofiti che desiderino esplorare le nuove frontiere dell’interior design.

Podbielski Conemporarypresenta “Moving Worlds ||”. La mostra metterà in risalto i lavori più significativi di artisti che hanno contribuito a determinare la forte identità della galleria. Saranno esposte le opere di: Shadi Ghadirian, Leonora Hamill, Francesco Jodice, Thomas Jorion, Andréas Lang, Ohad Matalon, Beatrice Minda, Agnese Purgatorio, Hrair Sarkissian, Noga Shtainer, Dubravka Vidovic, WON Seoung Won e Yuval Yairi. L’obiettivo di Moving Worlds || è di proporre una doppia interpretazione degli spazi, sia geopolitici che psicologici, che rispecchiano la rapidità dei cambiamenti e delle sfide in essere. Dall’altro lato questi spazi diventano delle rappresentazioni artistiche, che trasportano la storia di questi luoghi o vi si avvicinano attraverso uno sguardo più giornalistico o da fotoreporter. Queste immagini cercano di coinvolgere l’osservatore suscitando sia emozioni che punti interrogativi, invitandolo così a condividere la visione degli artisti.

Scultura Italiana di Dario Mottola presenta “La Scultura Italiana dal Rinascimento”.

SPAZIOBIGSANTAMARTA ospita “Promesse Mantenute” di Antonella Cappuccio Muccino, una raccolta di ritratti di personaggi che hanno fatto grande l’Italia colti nella loro dimensione infantile.  Antonella, madre del celebre attore e del regista romani, nata a Ischia nel 1944, ha una lunga carriera espositiva alle spalle. Conosciuta costumista, diviene poi famosa ritrattista sia all’estero che in Italia, ed é membro dell’Accademia Pontificia. L’idea di rappresentare da fanciulli coloro che sono stati le “Promesse Mantenute” dell’Italia moderna nasce in onore dello scopo benefico dell’iniziativa. Le opere infatti andranno battute all’asta il 18 Dicembre e l’intero ricavato andrà a Fondazione Telethon, che da anni sostiene la ricerca sulle malattie genetiche rare, per aiutare i bambini di oggi e permettendo loro di realizzare i propri sogni.

THE POOL NYC presenta la personale di Stefania Fersini, giovane artista che vive e lavora a Torino. “Toreros d’Aujourd’hui” trasforma Palazzo Fagnani Ronzoni, sede espositiva della galleria, nella stessa unica opera di Fersini presentata. Un luogo che diventa etimologicamente domestico, alcova di tinte pastello ed elementi riconoscibili; uno spazio che diviene un perpetuo déjà vu di tende e tappezzerie dipinte parzialmente e in maniera periferica, con mobili e quadri fittizi, che gioca sull’ambivalenza di aspettativa e realtà, sfondo e soggetto, margine e protagonismo. Effettivamente, la “casa” ideata dall’artista è composta da alcuni lavori – vecchi e nuovi, e il fattore tempo è da tenere presente a ogni passo nel labirintico ragionamento – di Aldo Mondino e Gabetti e Isola: Fersini è onnipresente, facendo da cornice e da contenitore delle opere dei suddetti, svelandosi a tratti e ricreando la costante elusività che la rappresenta.

Tomaso Piva presenta Flying boats”, installazione del maestro vetraio Lino Tagliapietra composta da sei gondole in vetro soffiato e battuto alla mola, nelle tonalità dell’ambra con canne vitree color bruno. Tagliapietra riunisce nella sua attività la forza progettuale, inventiva e

innovativa proprie di un designer e artista contemporaneo e la padronanza della tecnica secolare che ha reso Murano famosa nel mondo, tipica di un maestro artigiano del vetro. Una vita dedicata al duro lavoro in fornace la sua, che lo vede da ragazzo nella vetreria Seguso e in seguito attivo nelle più importanti case vetrarie veneziane, fra cui La Murrina, fino ad approdare negli Stati Uniti, dove insegna e lavora. Le sue opere sono conservate al Museo Vetrario di Murano e in importanti musei in Europa e America.

Tommaso Calabro presenta la mostra “Twombly e Tancredi”, un omaggio a Carlo Cardazzo, il gallerista italiano che, nel secondo dopoguerra, promosse pionieristicamente l’arte italiana non figurativa e lo Spazialismo, così come l’arte astratta americana. L’accostamento di opere di Cy Twombly (1928-2011) a lavori di Tancredi Parmeggiani (1927-1964) evoca la linea di ricerca perseguita da Cardazzo negli anni cinquanta e sessanta, e ne svela affinità visive e un comune lirismo.

Viasaterna presenta “Casino Palermo – La mostra”, con le opere di Oli Bonzanigo, Alessandro Calabrese, Martina Corà, Barbara De Ponti, Theo Drebbel, Ramak Fazel, Teresa Giannico, Guido Guidi, Takashi Homma e Alessandro Sambini. La mostra è il risultato di un progetto speciale di residenze, ideato e curato dalla galleria che, nei mesi di giugno e luglio 2018, si è trasferita a Palermo all’interno di un antico e affascinante palazzo, nel cuore dello storico quartiere della Kalsa, trasformandolo in un atelier sempre vivo, che ha visto coniugare momenti espositivi, incontri e presentazioni. Durante la residenza palermitana gli artisti hanno raccolto tracce e suggestioni dalla città, come nuovi elementi di approfondimento per la realizzazione di opere inedite esposte ora negli spazi di Viasaterna a Milano.

CANTINE VINICOLE PRESENTI

Si ringrazianole case: Cesarini Sforza, Cembra e La Vis dal Trentino, Montelio dall’Oltrepo Pavese, Bellussi Bellaguardia dal Veneto, Antico Borgo del Colli Ritter de Zahony dal Friuli, Quintopasso dal Modenese, Castello di Agazzano dai Colli Piacentini, Ciù Ciù dalle Marche, D’Amico dalla Tuscia, Colosi dalle Isole Eolie.

Ufficio Stampa 5VIE art+design;

Federica Quaglia – press@5vie.it – tel. +39 335 6834065 – www.5vie.it



Sto caricando la mappa ....

Data e Ora
29/11/2018 / 17:00 - 22:00

Luogo
Sedi Varie