Karlyn De Jongh | This

Grazie alla sua straordinaria carriera come curatore internazionale, ma anche come attrice d’arte, che ha ispirato, tra gli altri, Arnulf Rainer e Ben Vautier, o ha partecipato ad una performance del azionista Hermann Nitsch, Karlyn De Jongh è una delle protagoniste straordinarie nella scena artistica. Ora l’artista olandese espone la propria arte a Berlino per la prima volta.

Karlyn De Jongh, nata nei Paesi Bassi nel 1980, ha studiato arte, filosofia e storia dell’arte nei Paesi Bassi e negli Stati Uniti tra il 1998 e il 2007. È autrice di numerosi articoli e recensioni su arte contemporanea. Tra il 2007 e il 2016 è stata co-organizzatore di simposi (con Klaus Honnef) e, come curatore, ha organizzato progetti d’arte internazionali in Italia, Austria, Stati Uniti, Giappone e Paesi Bassi. Nel contesto della Biennale di Venezia 2011, 2013 e 2015, ha realizzato la mostra “Personal Structures” a Palazzo Bembo e il Centro Culturale Europeo, che le è valso la reputazione di curatore a livello internazionale – soprattutto perché stelle mondiali dell’arte contemporanea sono stati invitati a mostrare il loro lavoro, come Marina Abramovic, Heinz Mack, Yoko Ono, Otto Piene o On Kawara. Come attrice, Karlyn De Jongh ha collaborato con, tra gli altri Arnulf Rainer, Heinz Mack, Ben Vautier, e Herman de Vries. Nel 2010 ha fatto parte di un “Aktion” del viennese azionista Hermann Nitsch “Orgien Mysterien Theater”.

Karlyn De Jongh è stata sempre anche artisticamente attiva. Considerando la sua biografia, tuttavia, non sorprende che l’arte di questo artista – che si è trasferita da Venezia a Berlino nel 2014 – è tutto su “comunicazione”. La sua attuale mostra alla Galerie Köppe contemporanea, presenta una selezione di recenti dipinti e documenti. Inoltre, attraverso un dialogo con opere, tra gli altri Arnulf Rainer, Heinz Mack e Hermann Nitsch, De Jongh documenta le sue ambizioni curatoriali e azionista.

Ci sono due punti fissi nell’arte di Karlyn De Jongh. Questi sono da un lato l’atto della scrittura e la parola come tale, d’altra parte è il colore. Nei dipinti dell’artista per lo più un colore predomina, o il lavoro mostra sfumature di colore o gradazioni di un colore particolare. Determinato in base al colore, la luce e la struttura, a prima vista, stilisticamente il concetto di pittura può ricordare la pittura in bianco e nero. De Jongh si concentra sui colori di base blu, rosso e giallo. Moduli incorporati, modelli, parole e lettere prevalgono in aggiunta alla linea e anche costruzioni lattice- e loop-like. A volte queste figurazioni conferiscono alla tela una sfumatura tattile.

Le parole sono strumenti. Le parole possono danneggiare e distruggere o causare la paura e le minacce. Ma le parole possono anche lenire, comfort e guarire. Le parole possono portare bugie, la rabbia e l’aggressività, così come la sincerità, calore e affetto. La lingua ha la sua vitalità, un ritmo speciale e una sfumatura individuale.

Karlyn De Jongh combina il pensiero sulla cultura e la comunicazione con una pittura che ricorda strutture Palinsesto. Il termine “Palinsesto” deriva dal codicologia, lo studio della scrittura a mano. Si riferisce a vecchie informazioni portatori, ad esempio scritture scritte a mano su un vecchio documento, che sono stati ri-formato da informazioni recenti e quindi avere un effetto criptato o, nella loro complessità, non sono più riconoscibili sono.

Per i suoi Script-dipinti, De Jongh scrive: “Artisticamente sono preoccupata con la comunicazione interpersonale nel senso più ampio del termine, vale a dire con il linguaggio e la scrittura. Le opere entrano in esistenza attraverso una sorta di manifesto di auto-conversazione. Durante il processo di verniciatura, i pensieri, le parole e la loro attuazione sono uno. ”

Con l’introduzione di parole e texture cariche di significato, il lavoro di Karlyn De Jongh si caratterizza in modo particolare. Le parole diventano configurazioni pittoriche. Le parole scritte a mano e frasi in sua arte sembrano uscire da un pensiero continuo, applicata in un azionista e un modo rushfull – a volte forse anche con rabbia e veemenza. Questo approccio espressivo aumenta la dinamica della pittura di Karlyn De Jongh e attiva le tele nei campi atmosfere cariche di energia.

Alcune texture o formazioni di parole sono leggibili, altri sembrano aver affondato nel colore. Alcune configurazioni rifiutano completamente la leggibilità o non possono essere pienamente colte – mantengono la loro enigma. Così, nelle opere di Karlyn De Jongh, una spinta psicologica si verifica, o di un modernissimo esperienza collettiva: la percezione del mondo riesce solo frammentariamente. Tutto diventa rapidamente in lontananza. Anche ciò che è appena successo, spesso ci ricordiamo solo vagamente. Il nostro pensiero è caratterizzata da oblio.

André Lindhorst, gennaio 2017

Dal 18 Marzo al 30 Aprile 2017 (Berlin Gallery Week-end)

Vernissage: 17 marzo, 2017, 19:00



Sto caricando la mappa ....

Data e Ora
17/03/2017 / 19:00 - 21:00

Luogo
Villa Koeppe