LA SFINGE NERA/THE BLACK SPHINX – FROM MOROCCO TO MADAGASCAR

Sulla base di un viaggio dal Marocco al Madagascar, la storia dell’Africa è indagata dall’artista Abdoulaye Konaté sulla base di questa esperienza.

Dietro il mistero di un così grande territorio fatto di pratiche, tradizioni e conflitti così lontani da noi, c’è un nuovo contributo all’arte contemporanea derivante dalle esperienze, oltre che di Konatè anche di altri artisti. Originale, pieno di fascino e di magia secolare e forte nella propria connotazione, l’Africa grazie alle idee e alle ricerche non convenzionali di questi artisti emerge come territorio fortemente innovativo.

Di conseguenza, alcuni artisti disegnano la tradizione tessile africana realizzando arazzi moderni sia descrittivi che astratti (Abdoulaye Konaté, Hassan Musa, Emo de Medeiros), mentre altri, si ispirano alle poche risorse disponibili realizzando oggetti stupefacenti attraverso il riciclaggio (Moffat Takadiwa) come ritagli di giornali di moda combinati per creare moderni mosaici o collage su tela (Vitshois Mwilambwe Bondo).

La mostra presenta anche una prospettiva più concettuale con artisti del Marocco (Mounir Fatmi) e della Tunisia (Nidhal Chameck, Yesmine Benkhelil), formatisi in scuole europee di stampo francese.
Lo stesso vale per l’altra estremità, in Sudafrica, dove esistono artisti che usano linguaggi più sofisticati, vicini alle esperienze nordafricane (Rowan Smith, Cameron Platter).
Lo scenario è molto eterogeneo, pieno di artisti le cui esperienze non devono essere considerate alternative ma complementari e reciprocamente valorizzanti. Contribuiscono ad offrirci uno sguardo su un mondo dove il terreno di caccia si è trasformato in un terreno che ci conquista attraverso l’arte.



Sto caricando la mappa ....

Data / Ora
18/05/2017 / 18:00 - 19:30

Luogo
Primo Marella Gallery