Transnational Migration and Immigration

Da venerdì 09 novembre a OCRA Montalcino l’installazione di Franca Marini, realizzata per lo Human Rights Institute at Kean University di New York, sarà riproposta nel chiostro di sant’Agostino in occasione degli eventi di Non ho paura dell’uomo nero.

cuola Permanente dell’Abitare, con il patrocinio del Comune di Montalcino, presenta“transnational migration and immigration”, realizzata per lo Human Rights Institute at Kean University, Union, N.J., nel febbraio 2018.
L’opera verrà reinterpretata e contestualizzata dall’artista all’interno del chiostro cinquecentesco di Sant’Agostino e farà da sfondo agli eventi di Non ho paura dell’uomo nero in programma presso OCRA Montalcino nel mese di novembre.

Programma completo 

Con questa installazione, come scrive l’artista, viene rappresentato  non solo il viaggio di speranza a cui sono costretti milioni di migranti alla ricerca di una nuova vita, ma anche quel viaggio inteso come trasformazione interiore che ogni uomo e donna può dover intraprendere per superare, lasciarci alle spalle ciò che ancora non ci rende completamente umani. Una trasformazione che non può prescindere dall’incontro e accettazione del diverso, del non conosciuto e come tale da temere – il pericolo che il migrante rappresenta nell’immaginario collettivo della nostra società – che implica il riconoscimento nell’altro della nostra condivisa umanità senza cui costruire un mondo diverso e più giusto non è possibile.

Resti di ciò che un giorno era un riparo, frammenti di oggetti quotidiani impigliati su reti lacerate o come alla deriva dopo un naufragio, creano una scenografia che evoca un senso di smarrimento e lacerazione. Da un paesaggio desertico senza vita il visitatore viene condotto lungo un percorso che porta all’incontro con i volti di quegli uomini e quelle donne che hanno sfidato la morte.
Il giorno dell’inaugurazione, venerdì 9 novembre alle 19:00, verrà presentato anche il video “Una nuova vita”con testimonianze di migranti provenienti da vari paesi, alcune delle quali raccolte dall’artista nel 2016 a Riace, paese simbolo a livello mondiale d’integrazione e accoglienza.

 


 

Chi è | Franca Marini 

Credo che l’arte sia uno strumento capace di creare un rapporto tra una dimensione inconscia, profonda ed il mondo esterno: capace di creare un legame, uno stato di risonanza con gli altri.
Le immagini dell’arte sono rappresentazioni complesse. Maggiore il livello d’elaborazione sia in termini di forma che di contenuto, maggiore sarà anche il valore artistico e con esso la loro potenza espressiva e di comunicazione.
Franca Marini, San Francisco, 1990

Franca Marini è un artista italiana con una formazione internazionale. Nasce a Siena dove consegue la maturità artistica con 60/60 presso l’Istituto Statale d’Arte Duccio di Buoninsegna. Si diploma poi in Pittura all’Accademia di Belle Arti di Firenze con la votazione di 120 e lode. Terminati gli studi accademici, continua la sua formazione artistica: frequenta un corso di disegno e scultura al Centro d’Arte il Verrocchio a Casole d’Elsa (Siena) ed un corso di pittura alla scuola d’arte The CityLit a Londra. Compie numerosi viaggi-studio dal 1985 al 1987 nelle principali capitali europee: Amsterdam, Parigi, Bruxelles, Barcellona, Madrid, Londra, Edimburgo, Monaco di Baviera e Atene. Seguono poi nel 1988-90 Oslo, Bergen, Stoccolma e Berlino.
Alla fine degli anni ottanta si reca negli Stati Uniti determinata ad approfondire i suoi studi artistici ed a intraprendere la carriera di artista. A San Francisco, dopo la scuola di pittura del Fort Mason Art Center, frequenta il San Francisco Art Institute, una tra le scuole d’arte più d’avanguardia degli Stati Uniti, dove si confronta con le correnti artistiche radicali ed innovative della cultura americana. Nel 1991 si trasferisce a New York dove risiederà per circa 10 anni. Dopo una lunga formazione in campo pittorico, dal 2005 realizza installazioni site-specific e opere video in cui sviluppa temi legati a contesti metropolitani e a problematiche sociali relative ai diritti umani. Le sue opere fanno parte di collezioni pubbliche e private in Italia, Costa Rica e Stati Uniti. Tra le numerose mostre personali e collettive, ricordiamo: The Interior Landscapes Elizabeth Harris Gallery, New York (1996), San Francisco Museum of Modern Art Artists Gallery, San Francisco (1998), Reconstrucción en rojo Nuevas Obras Galería Nacional, San José, Costa Rica (2005), Universal Language Queens College Art Center, New York (2009), TEXT-o-&-figure Galería Nacional, San José, Costa Rica / Meridian Gallery, San Francisco (2010) / Fabula Urbis, Lisbona (2011), De Colección, Museo de Arte y Diseño Contemporáneo, San José, Costa Rica (2011-12), Gestos Mary Chacon Contemporáneo, San Josè, Costa Rica (2014), Brujas pero tambien brujos Aglutinador – Brücke, La Habana (2014), Visions from the metropolis – an artistic research between urban life and early renaissance imagery, Karl and Helen Burger Gallery, kean University, Union, N.J. (2017). Tra i principali video screenings, ricordiamo: SonoMACLab Museo de Arte Contemporáneo de Puerto Rico, San Juan, Porto Rico (2010), Cosa es lo humano? Museo della Preistoria del Monte Cetona, Cetona (2012), Visionaria International Film Festival, Siena (2015), P21 gallery, Londra (2015), Al Ard Doc Film Festival, Cagliari (2016).

www.francamarini.com

 


 

VERNISSAGE. Incontro con l’artista
Videoproiezione di Una vita diversa 
Al termine aperitivo e musica del Togo a cura di Kossivi Sodja
Venerdì  09 novembre 2018 ore 19.00
OCRA Officina Creativa dell’Abitare
Via Boldrini 4, Complesso di Sant’Agostino – Montalcino (SI)

In occasione del Vernissage l’artista presenterà la sua installazione e la serata proseguirà con la performance di di percussioni con il tamburo djembe a cura del musicista Kossivi Sodja, il tutto accompagnato da un aperitivo con pietanze tipiche del Togo.

FINISSAGE. Incontro con l’artista
Monologhi da “Il Teatro Reportage” di e con Annet Henneman

Venerdì 30 novembre 2018 ore 19.00
OCRA Officina Creativa dell’Abitare
Via Boldrini 4, Complesso di Sant’Agostino – Montalcino (SI)

Il finissage sarà l’occasione per trarre le conclusioni del lavoro svolto durante il mese di novembre, attraverso una performance attualissima che vede l’attrice Annet Henneman impegnata in un monologo tratto da “Il teatro reportage”, un progetto che ha lo scopo, da più di vent’anni, di portare le vite di coloro che vivono in zone di conflitto, in oppressione, più vicine a noi e al mondo occidentale. A far da sfondo“transnational migration and immigration”, in un’intensa interazione tra l’installazione di Franca Marini e le storie, le canzoni, i balli, la vita nella quale la Henneman ci trasporterà attraverso il suo monologo.



Sto caricando la mappa ....

Data e Ora
09/11/2018 / 19:00

Luogo
OCRA Montalcino