Valentino Vago

La galleria Annunciata inizierà la stagione 2017-18 con VALENTINO VAGO – Oltre l’orizzonte, una personale dell’artista nato nel 1931 a Barlassina in cui saranno esposte opere degli anni Sessanta e Settanta perlopiù di grandi dimensioni.

La mostra sarà realizzata in collaborazione con la Galleria Il Milione che, in contemporanea, terrà una mostra di dipinti recenti.

In un testo pubblicato nel catalogo della personale di Valentino Vago presso il Salone Annunciata del 1965, Sergio Grossetti ha scritto che l’artista «crede alla pittura sino al punto di lasciarsene quasi annullare, di abolire la propria presenza personale e […] affidarsi a due soli suoni alti, intensi, vibranti, a un semplicissimo rapporto di colore e luce che da solo investa in sé tutto il suo trepidare, il suo vivere di uomo».
In effetti, soprattutto nelle opere dei tardi anni Sessanta e dei primi Settanta, le più significative delle quali saranno esposte alla galleria Annunciata, Vago ha attuato una sorta di estinzione della personalità, un silenzio di sé finalizzato a far percepire quei «due suoni alti, intensi, vibranti» – la luce e il colore – di cui è basilarmente composta la pittura. L’esito di tale processo è costituito da dipinti estremamente complessi e stratificati, difficili da afferrare a un primo sguardo perché mai univoci, nemmeno quando sembrano meramente consistere in una o più masse di colore all’incirca rettangolari. Anche in queste opere, così come in quelle più articolate, non mancano linee fluttuanti – che a volte hanno la sinuosità dei filamenti, altre volte la determinatezza delle rette, per quanto interrotte – ed è sempre presente il rimando all’orizzonte, vero leitmotiv della pittura di Vago. Talvolta anzi i dipinti riportano più orizzonti tra loro paralleli, o un unico orizzonte dallo spessore e dalla densità inconsueti. È questo insomma il momento del lavoro di Vago in cui il confine tra terra e cielo – e tra visibile e invisibile, materia e spirito – si fa più presente, ma allo stesso tempo più lirico e sottilmente drammatico. Ma è anche da qui che inizia quel percorso di «liberazione dall’orizzonte», come lo definisce l’artista stesso, che ha avuto il suo culmine nella recente realizzazione di un’opera ambientale nella chiesa di San Giovanni in Laterano, a Milano in zona Città Studi, presso la quale si terrà una visita guidata giovedì 5 ottobre alle 17.00.



Sto caricando la mappa ....

Data e Ora
05/10/2017 / 18:00 - 22:00

Luogo
Annunciata Galleria d'Arte