home Traduzioni I ritratti degli Obama hanno incrementato la partecipazione alla National Portrait Gallery di oltre il 300%

I ritratti degli Obama hanno incrementato la partecipazione alla National Portrait Gallery di oltre il 300%

Lunghe code alla National Portrait Gallery dello Smithsonian a Washington, DC, lo scorso fine settimana, per vedere i nuovi ritratti ufficiali dell’ex presidente Barack Obama e della First Lady Michelle. I due dipinti, di Kehinde Wiley e Amy Sherald sono stati svelati, con grande clamore, la scorsa settimana.

Gli Obama hanno fatto la storia commissionando per primi agli artisti afroamericani di dipingere ritratti ufficiali per il presidente e la first lady. La coppia, che ha un forte interesse per l’arte contemporanea il quale si riflette nelle opere, segna un netto distacco dalla tradizionale pittura figurativa tipicamente rappresentativa e favorita dai ritrattisti presidenziali. Wiley ha dipinto Barack seduto su uno sfondo vibrante di fogliame verde, mentre Sherald ha fatto riferimento alla fotografia in bianco e nero, rendendo la pelle di Michelle nei toni del grigio.

Un rappresentante del museo ha dichiarato ad artnet News che il sito web dell’istituto ha visto un enorme aumento del traffico grazie ai nuovi ritratti. Nell’ultimo anno, il numero medio di sessioni giornaliere era di appena 1.875 visitatori. In confronto, il NPG segna una media di 23.680 visite web al giorno nel solo mese di febbraio. La settimana scorsa (fine febbraio, ndt) ha raggiunto il picco, con 399.192 visite tra domenica 11 febbraio e giovedì 15 febbraio e 79.838 sessioni al giorno. (Il nuovo hashtag #myNPG, introdotto insieme ai nuovi ritratti, ha anche collezionato 98 milioni di impressioni su Twitter e 33.3 milioni su Instagram.)

Il successo online delle opere si è tradotto nella presenza nel mondo reale, dove la National Portrait Gallery ha visto un aumento del 311% dei visitatori anno dopo anno per il President’s Day Weekend. Rispetto ai 16.041 visitatori negli stessi tre giorni del 2017, il weekend festivo ha visto 50.024 ospiti varcare la soglia quest’anno, con oltre 20.000 solo domenica scorsa. Visto che i dipinti sono andati in scena martedì, 72.146 persone hanno visitato il museo.

Con le code fuori dalla porta, gli ospiti hanno aspettato fino a 90 minuti per vedere il dipinto di Wiley, che è in mostra nella galleria “America’s Presidents”. La tela di Sherald può essere vista al primo piano con altre recenti acquisizioni.

Anche se i critici – e i commentatori sui social media – sono stati divisi sul merito delle opere d’arte, la National Portrait Gallery è felice di avere un successo provocatorio nelle loro mani. “Quello che mi è piaciuto di più è che le persone abbiano parlato di ritratti”, ha detto il direttore della National Portrait Gallery Kim Sajet al Washington Post. “C’era un sacco di intrighi su di loro, ne avevano sentito parlare  e avevano un sacco di domande”.

Sarah Cascone

Articolo originale apparso su Artnetnews

Traduzione di Roberto Sala

Copyright © Sarah Cascone. Originally published by Artnet News.
Republished by permission of the author and Artnet Worldwide Corporation.