home Nuovi Spazi, Recensioni L29. Uno spazio polivalente a Roma

L29. Uno spazio polivalente a Roma

Compie il suo primo mese L29, nuovo spazio indipendente nato a Roma lo scorso settembre dall’idea e dalla volontà di Flavia Bigi, Francesca Romana Pinzari e Gaia Scaramella, tre artiste che nello spirito di dar vita a uno studio d’arte hanno pensato unitamente di ampliarne la funzione concependo uno spazio aperto alla condivisione e a un dialogo di respiro internazionale. Muovendo da un’ottica di apertura e confronto L29 ha inaugurato la propria stagione ospitando dalla Francia Madeleine Filippi curatrice della mostra collettiva d’apertura dal titolo ‘Memorie vive’, in corso fino al 15 novembre 2017. Un percorso quello proposto che pone in dialogo le opere delle tre artiste fondatrici di L29 e due nomi del panorama internazionale, il marocchino Mounir Fatmi e la mongola Odie Chaavkaa. Il percorso espositivo si propone come una interessante riflessione sulla memoria e sulle dinamiche connesse al senso che tale capacità, non solo psichica, può significare. Attraverso differenti modalità espressive, video, disegno, fotografia e installazione, la mostra si muove e ci conduce in un viaggio tra tempo, ricordo, identità e memoria. Quest’ultima individuale, sociale, difatti sempre viva che quotidianamente si nutre come la curatrice stessa ci dice «di elementi sociali, politici e scientifici, dello spirito stesso del tempo che passa e di tutto che può stravolgere i nostri ideali». Anche il tema del tempo, imprescindibile, ricorre ed è presente, nella sua valenza sempre determinante, un segno, una traccia distinta da cui e dentro il quale muoversi e dispiegare un messaggio, l’uomo, se stessi. Il valore del tempo e del suo fluire come fulcro necessario per definire una identità seppur spesso frammentata nell’incostanza virtuale di un contemporaneo che rifugge dalla profondità della radice. Nessuna sospensione se non si è saldi nel proprio tempo, nella propria identità, nella propria essenza. Infine, come in un inizio ci ritroviamo e troviamo nel percorso la connessione inesorabile di quel processo mnemonico evolutivo e dinamico all’idea del ricordo, la forza di conservazione e rievocazione di un vissuto che è la nostra identità ed è memoria viva.

L29 è uno spazio polivalente, pensato al tempo stesso come art studio, atelier, galleria no profit d’arte contemporanea e luogo di confronto e di scambio culturale. La sede dello spazio è nel centro di Roma ‒ in Via Labicana, 29 ‒  a dargli vita sono state Flavia Bigi, Francesca Romana Pinzari, Gaia Scaramella, tre artiste italiane diverse per tecniche, materiali e stili utilizzati, ma legate da un comune modo di sentire e intendere l’arte. Percorsi e vite d’artiste che si incontrano e con volontà e impegno decidono di unire le forze per ritrovarsi in quello che Flavia Bigi ha definito ‘luogo d’equilibrio’ all’interno del quale umanamente arricchirsi e accrescere uno stato di benessere emozionale, foriero di buon lavoro.

L29
Memorie Vive
fino 15 novembre 2017
a cura di Madeleine Filippi
Artisti: Flavia Bigi, Odie Chaavkaa, Mounir Fatmi, Francesca Romana Pinzari, Gaia Scaramella
Orario visite su appuntamento

L29
Via Labicana 29, Roma
l29contemporaryart@gmail.com

Immagine di apertura: Flavia Bigi, House, 2017
photogallery by Amalia Di Lanno

 

Translate »