home Notiziario MATT MULLICAN The Feeling of Things

MATT MULLICAN The Feeling of Things

Come si può definire la realtà? Da questa domanda prende le mosse la ricerca artistica di Matt Mullican (Santa Monica, 1951), il quale – a partire dagli anni ’70 no ad oggi – indaga la relazione che intercorre tra realtà e percezione, nel tentativo di dare una struttura ad ogni aspetto della condizione umana. Esplorando la mostra Matt Mullican. The Feeling of Things – a cura di Roberta Tenconi – che si articola negli ampi spazi di Pirelli HangarBicocca, ( fino al 16 settembre 2018) lo spettatore viene a contatto con un mondo altro, una sorta di infinito e sterminato archivio personale da cui l’artista lascia emergere un vocabolario e un apparato di segni e simboli da lui coniati ed identificati per la classificazione di tutta la realtà.

In questo processo Mullican individua cinque categorie – i “Cinque Mondi” – ognuno dei quali corrisponde ad un diverso livello di percezione ed è rappresentato da altrettanti colori: il rosso si riferisce alla psiche e alla soggettività; il nero caratterizza il tema della comunicazione e del linguaggio; il giallo si rivolge al mondo dell’arte, della scienza e della cultura; il blu identifica la vita quotidiana; il verde è utilizzato per indicare gli elementi fisici e materici. Questa è la stessa matrice che genera il progetto espositivo in cui, oltre seimila opere composte dai più svariati e diversificati media, vanno a comporre la personalissima cosmologia dell’artista americano: una profonda riflessione sull’esistenza volta a mostrare come la comprensione del mondo sia una costruzione del tutto interiore e soggettiva. Emerge con forza la volontà, forse l’ossessione, di creare un personale sistema di conoscenza generale capace di archiviare, catalogare e sistematizzare il reale in ogni suo aspetto, non però con la pretesa di universalità ed esaustività proprie di progetti precedenti destinati al fallimento – non ultimo Il Palazzo Enciclopedico progettato da Auriti –, bensì prendendo coscienza di come ciò che qualsiasi occhio percepisce altro non è che un’immagine sulla retina, a cui però il mondo reale non corrisponde, non è così.

Il percorso espositivo si articola nelle diverse aree colorate in maniera uida e ininterrotta mantenendo una forma aperta che lascia spazio all’immaginazione: la mente procede per associazioni libere osservando le opere delle più svariate tipologie, genera una rete di connessioni e relazioni tra i diversi livelli di percezione, dal tangibile all’immateriale, capaci di innescare effetti critici. Ciò che Matt Mullican elabora con la sua ricerca artistica sono dei nuovi e personali modelli interpretativi del mondo, degli strumenti cognitivi per indagare la realtà lasciando germinare attraverso l’esperienza sensoriale ed emozionale immagini, “rilievi” personali del reale.

La Recensione a firma di Angela Faravelli è pubblicata sul n. 268 di Segno

Matt Mullican The Feeling of Things

A cura di Roberta Tenconi

Fino al 16 Settembre 2018

Pirelli HangarBicocca
Via Chiese 2, 20126, Milano

Informazioni generali
T (+39) 02 66 11 15 73
info@hangarbicocca.org