home Inaugurazioni Santa Apollonia. Omar Galliani e qualche dente di Andy Warhol

Santa Apollonia. Omar Galliani e qualche dente di Andy Warhol

omar-galliani-ciclo-tutti-i-denti-di-santapollonia1Nelle sale claustrali a ridosso della Basilica marciana di Sant’Apollonia, sede del Museo Diocesano di Venezia, va in scena Santa Apollonia. Omar Galliani e qualche dente di Andy Warhol, ulteriore capitolo, spettacolare e coinvolgente, della lunghissima storia dell’iconografia legata a Santa, protettrice dal mal di denti e patrona dei dentisti.

Il truce martirio della vergine Apollonia, avvenuto ad Alessandria d’Egitto intorno al 249, ha colpito l’immaginazione di artisti, oltre che fedeli, di ogni epoca. Apollonia, vergine cristiana, fu accerchiata dai pagani che la colpirono alle mascelle sino a farle schizzar via i denti, poi, acceso un rogo, minacciarono di gettarcela se non avesse pronunciato frasi empie. “Ella chiese che la lasciassero libera un istante: ottenuto ciò, saltò rapidamente nel fuoco e fu consumata”. Curioso, ma non troppo, che ad essere colpito da questa storia sia stato Andy Warhol, che realizzò nel 1984 una serie di opere su carta dove si raffigurava la santa con in mano le tenaglie, simbolo del martirio e quindi, di riflesso, l’ossessione verso i denti, le simbologie ad essi legati, il morso, il sapore, la fisiognomica del volto. Questa serie di opere è ancora inedita e sarà qui esposta per la prima volta.

Non stupisce affatto, d’altro canto, che la vicenda di Apollonia abbia coinvolto Omar Galliani. Il maestro emiliano si misura da anni con la raffigurazione contemporanea dei santi, a partire dalla serie Nuovi Santi realizzata tra il 2004 e il 2006, e sta portando avanti una sua precisa ricerca sugli elementi costitutivi del corpo umano e i denti, in questa sua ricerca, occupano uno spazio assolutamente speciale.

La mostra avrà luogo, parallelamente alla Biennale d’Arte di Venezia, dal 4 Giugno al 15 Agosto.

Translate »