home Recensioni TAXIDERMI: arte come mimesis

TAXIDERMI: arte come mimesis

Sabato 24 novembre è stata inaugurata a Roma, in zona Prati, la mostra TAXIDERMI, a cura di Leonardo Petrucci e Barbara Reggio, presso l’ultimo negozio di tassidermia presente nella capitale. L’insolita location, che dopo ben duecento anni di attività svolta interamente dalla famiglia Bertoni chiuderà i battenti entro il 2018, custodisce nelle proprie vetrine 18 opere di altrettanti artisti contemporanei: Andreco, Joanne Burke, Alessandro Dandini de Sylva, Giovanni De Cataldo, Davide D’Elia, Antonio Della Guardia, Giulio Delvè, Federica Di Carlo, Antonio Fiorentino, Corinna Gosmaro, Giovanni Kronenberg, Emiliano Maggi, Parasite 2.0, Leonardo Petrucci, Alessandro Piangiamore, Calixto Ramirez, Namsal Siedlecki, Alessandro Vizzini.
Obiettivo dell’esposizione, conclusasi sabato 01 dicembre 2018, è stato quello di creare un parallelismo tra mestieri apparente lontani ma accomunati dalla sempre maggiore dissoluzione di professionalità artigiane e di antichi saperi causata dal rapido sviluppo sociale e tecnologico cui assistiamo quotidianamente. L’artista, come il tassidermista, spesso opera in maniera chirurgica prendendo ispirazione direttamente dall’osservazione della natura per arrivare a dar nuova forma alla materia originaria. In tal senso – recita il comunicato stampa – «il processo concettuale di saper vedere la realtà da una prospettiva differente può essere paragonato al potere illusorio di chi, manipolando pelli e resti animali, restituisce al corpo nuova dimensione, sospesa nella dialettica tra vita e morte. Di questa τάξις, preparazione della pelle intesa come marcatura estetica e azione formale, compartecipa l’artista che dispone secondo un nuovo ordine la struttura del mondo».
Ogni singolo creativo ha ideato un lavoro site specific, in linea con la wunderkammern ospitante – composta da uccelli impagliati, corna, ossa animali, insetti, fossili, minerali e conchiglie – dando luogo a una suggestiva mimesis e ad una (ponderata) sfida che coinvolge direttamente lo spettatore: saprà il pubblico riconoscere l’opera d’arte dal mero oggetto da collezione?

 

 

“TAXIDERMI”
A cura di Leonardo Petrucci e Barbara Reggio
fino al 1 dicembre 2018
p.za dei Quiriti, 10 – 00192 – Roma
orario: solo su appuntamento
ingresso gratuito
info: tel. +39 349 6439597 – +39 333 2138640