“4UATTRO+2UE” e il senso contemporaneo della pluralità