home Anticipazioni, Art-Week, Notiziario Anteprima ArteFiera: La Morale dei Singoli. Quarta edizione della biennale Do ut do

Anteprima ArteFiera: La Morale dei Singoli. Quarta edizione della biennale Do ut do

Do ut do è una biennale nata nel 2012 con lo scopo di raccogliere fondi a sostegno della Fondazione Hospice MT. Chiantore Seràgnoli. Il nome, coniato da Alessandro Bergonzoni, letteralmente “dare per dare”, sintetizza in maniera geniale l’idea dell’organizzazione di realizzare una collezione unica e particolare che farà parte di una mostra itinerante esposta nel corso del biennio in prestigiose istituzioni di arte contemporanea, pubbliche o private.

Venerdì 1 febbraio alle ore 17.00, nell’ambito degli eventi di Arte Fiera, nello Spazio TALKS (Pad 26), la biennale 2018-2019 sarà presentata in anteprima con la presenza di Vera Negri Zamagni, Presidente dell’Associazione, Gianfranco Maraniello, Direttore MART, Andrea Viliani, Direttore MADRE, Pier Paolo Forte, Consigliere di Amministrazione Parco Archeologico Pompei, Sebastiano Maffettone, Docente di Filosofia Politica, e Mario Cucinella, Architetto.

Ogni edizione, nel corso degli anni, ha avuto l’appoggio di importanti figure del mondo dell’arte. Dopo il sostegno di Yoko Ono nel 2012, dei Masbedo nel 2014 e di Dario Fo e Alessandro Mendini per il 2016, per l’edizione 2018-2019 sono stati nominati “padrini” dell’evento Philip Rylands, direttore emerito della Collezione Peggy Guggenheim di Venezia, e nuovamente Alessandro Mendini, architetto e designer. Ed è proprio Alessandro Mendini l’ideatore del titolo della quarta biennale: La Morale dei Singoli.

Interessanti e condivisibili le riflessioni che si celano dietro ad un titolo così impegnativo. La responsabilità individuale del fare artistico, per nella dimensione corporativa delle botteghe, è stata la basa della dimensione sociale dell’arte nel corso dei secoli perché presupponeva una sorta di autocontrollo da parte dell’artista e un obbligo nei confronti della comunità che accoglieva l’opera. La morale era rinchiusa nella dimensione sacrale dello scambio. “Pensare che possano esistere dei raggruppamenti d’arte sotto forma etica –scrive Mendini-, basati sulla morale dei singoli, è una cosa molto interessante e inedita nell’arte contemporanea, una cosa che non esisteva…Un unicum”; “Crediamo che le società contemporanee abbiano bisogno di una rivoluzione etica che parta dai singoli. Che ricostruisca il potere che ognuno di noi ha quando ci si unisce per generare una sensibilità collettiva responsabile nei confronti della propria comunità”.

Gli artisti che hanno donato una loro opera seguendo le suggestioni del tema sono: Elisabetta Benassi, Eduardo Cardozo, Loris Cecchini, Sandro Chia, Fabrizio Cotognini, Cuoghi Corsello, Alberto Di Fabio, Roberto Fassone, Flavio Favelli, Giovanni Gastel, Mimmo Jodice, Massimo Kaufmann, Julia Krahn, Marcelo Legrand, Andrew Leslie, Fulvia Mendini, Marzia Migliora, Nino Migliori, Moataz Nasr, Katja Noppes, Giovanni Ozzola, Simone Pellegrini Thomas Ruff, Pietro Ruffo, Joe Tilson, Carlo Valsecchi. Alcuni dei lavori, per l’occasione, saranno esposti in prestigiosi luoghi culturali di Bologna, in contemporanea con Arte Fiera e con gli eventi di Art City: Accademia delle Belle Arti, Archiginnasio, Arte Fiera, Palazzo d’Accursio, Opera Residence.

DO UT DO

Tel. 051 271060 Fax 051 266499

info@doutdo.it www.doutdo.it

www.FaceBook.com/DoUtDo