artperformingfestival 3 edizione Salento Art Tour

La manifestazione artperformingfestival®, ideata ed organizzata dal curatore Gianni Nappa e promossa dallo studio di marketing e comunicazione GlobalStrategies S.r.l., dopo il grande successo delle prime due edizioni, che si sono tenute a Napoli nel 2016 e 2017, quest’anno sarà in tour, con tappe nei comuni più rappresentativi del fermento artistico che regna nel Salento. Lecce, Galatina, Matino, Minervino di Lecce, Porto Badisco, Villa Baldassarri (Le)

Il Salento espressione della Grecia, con i suoi spettacolari centri barocchi, con Lecce, Minervino di Lecce, Galatina, dove ancora oggi vive una società legata ai valori della terra natia, dei consessi familiari arcaici, delle corti come identità della famiglia, si presta con la sua immanenza all’incontro tra l’arte contemporanea e la società, che artperformingfestival® proietta da Napoli, città super caotica, a realtà di silenzio, di lavoro nelle case, per poi ritrovarsi in piazza la domenica. Una dimensione che spingerà gli artisti ad azioni nelle strade solitarie dei borghi, alla ricerca di condizioni di condivisione spontanea, alla riscoperta del “suono” delle giornate, tra gatti e lontane voci in interni. Un abbraccio del mondo della performance ai luoghi dello storico passaggio dei Templari, dei commerci della pelle e della porta naturale sul Mediterraneo, che pure ha luoghi rinomati e vacanzieri di grande richiamo. La bellezza non è solo nei luoghi, ma soprattutto nell’anima di un popolo che, fiero delle sue tradizioni, esprime grandi energie nel campo dell’arte contemporanea.

Un festival dedicato alla sperimentazione ed alla performance, che già nelle prime due edizioni ha visto artisti internazionali e nazionali chiamati ad interpretare nei luoghi storici ed architettonici di pregio, l’unione tra l’arte contemporanea ed il turismo. Nella convinzione che la traccia dei linguaggi contemporanei sia nell’interdisciplinarietà, e rivolta al “mondo nel sé” e il “sé nel mondo”, la scelta curatoriale ha privilegiato l’aspetto concettuale, e la ricerca di artisti, non solo convalidati dalla scena internazionale, ma soprattutto portatori di libertà ed autonomia rispetto al mercato ed ai suoi prodotti “riciclati”. Non è la finanza che rende l’arte di mercato, è l’attualità dei linguaggi, la forza empatica della condivisione, la costruzione di percorsi alternativi, non solo alle gallerie d’arte, ma soprattutto alla ricerca dell’inconsapevolezza delle persone che accoglieranno i messaggi senza condizionamenti di parte.

Inaugurazio a Galatina di Lecce, presso Palazzo Di Lorenzo, il 24 giugno alle 18,00, dove sarà presentata la 3 edizione di artperformingfestival®

 

Calendario

Minervino (Lecce)

artperformingfestival 3° edizione / Mostre

Experimental art tour artperformingfestival 2018

Inaugurazione 5 maggio 2018 ore 19,30

dal 5 maggio al 30 settembre 2018

Palazzo Scarciglia – Dimora d’Epoca

Via Giuseppina Scarciglia, 14, 73027 Minervino di Lecce

a cura di Gianni Nappa e Pantaleo Musarò

artperformingfestival si trasferisce da Napoli (edizioni 2016/2017) nel Salento.

Nulla è come appare – performance di Massimiliano Manieri e Simona Schirinzi

5 maggio 2018 ore 20,30 Palazzo Scarciglia

a cura di Gianni Nappa e Pantaleo Musarò

Palazzo Di Lorenzo, Via Mory 1, Galatina (LE).

24 giugno – 10 luglio 2018

La sperimentazione visiva dalla fotografia, alla performance, la body-art, l’assemblage, la video art, l’happening, la land art sono dalla seconda metà del XX secolo una nuova determinazione dell’arte visiva. Nel nuovo scenario delle arti contemporanee le ultime tendenze digitali si stanno introducendo in un nuovo territorio dell’arte; aprendo nuove opportunità di fruizione e di consumo (dalle arti digitali alla fotografia digitale, dalla musica agli audiovisivi) . E’ in continuo superamento dell’arte contemporanea , e dal concettuale alla Op art dal 1965 ad oggi i territori della sperimentazione sono passati dal visuale e percettivo, alle opportunità digitali e di video art, dove l’interazione tra il “soggetto” e l’opera stessa sono in antitesi con l’”oggetto” dell’arte concreta, ma allo stesso tempo sono la successione della memoria critica.

Questa mostra presenta la semantica, che dalla sintassi ne formula un indice raggiungibile attraverso gli strumenti dell’attuale sistema. Quando Joseph Beuys disse: “non sono contro la scienza, ma contro la distinzione tra Arte e Scienza. Ho scritto una partitura in cui affermo che arte è uguale a uomo che è uguale a creatività che è uguale a scienza.” La rivoluzione quindi, di artisti che prendono coscienza della forza dell’arte, intesa appunto come creatività.

 

Artisti rivoluzionari che nel visivo tracciano l’unione tra scienza e arte. Exerimental rooms è un ipotesi di cammino verso la traccia semiotica e un passo deciso verso il futuro. L’uomo ha la sua possibilità nella libertà creativa, e quindi l’artista è l’artefice della rivoluzione.

Installazioni e opere di:

Franco G. Livera / Renata Petti e Rino Petrozziello / Gianni Colombo / Ivana Galli / Enrico De Maio / Iolanda Di Bonaventura / Carmen Carriero / Pantaleo Musarò / Angelo Guido

 

Video rassegna art and performance”Teresa Mangiacapra”

24/25/26/27/28/29/30 giugno – /08/09/10 luglio 2018

Video Rassegna Video Art “Teresa Mangiacapra” in artperformingfestival Galatina – Palazzo Di Lorenzo

programma proiezioni

24 giugno ore 20,00

serata inaugurale: video

Human Installattion  presenta : Kyrahm e Julius Kaiser Oltre il corpo, 26 minuti, 2016

Torna “OLTRE IL CORPO” per Art Performing Festival il 24 giugno nel Salento.
EVOLUZIONI DAL MONDO DELLA PERFORMANCE ART
BEYOND THE BODY
EVOLUTIONS FROM THE WORLD OF PERFORMANCE ART
SYNOPSIS

“Oltre il corpo” documentario di Kyrahm e Julius Kaiser.
Dopo esser stato proiettato alla III edizione del Venice International Performance Art Week di Venezia, torna il dialogo incrociato tra protagonisti della scena artistica e performativa.

ore 20,35

Francesca Fini – 3 video – DADALOOP(2015) 9,59”

ore 21,00

Carron Little – (Chicago USA) Women Mobilized for Change 1966 to 1974, 2016, Chicago 26,03”

 

Pantaleo Musarò –  Il mio viaggio – video performance
11 scatti fotografici frame da video
Presentazione del video di Elisabetta Zurigo
e monologo performance di Loredana Iafrate

 

25 giugno 2018

ore 18,00

Flavio Sciolè – video Matermare 4,52”

ore 18,10

Pantaleo Musarò  – Filmato spacescape 2 – 6,51”

ore 18,25

Giovanni Barbera – Coazione a ripetere 9’55”

ore 18,40

Raffaele De Martino – Questo mio cercare 2007 5,51”

ore 18,50

DehorsAudela_ PiùNelBoscoNonAndremo 12,00”

ore 19,05

Federica Amichetti – Mater Materia video 10,35”

ore 19,20

Larissa Sansour – / In The Future, They Ate From the Finest Porcelain, Larissa Sansour & Søren Lind, 2015 28,37”

26 giugno 2018

ore 18,00

Kyrahm e Julius Kaiser (A)mare conchiglie – 25,00′  – 2015

ore 18,05

Larissa Sansour A Space Exodus 5,24”

A Space Exodus (2009)
Video, 5′ 24”

A Space Exodus quirkily sets up an adapted stretch of Stanley Kubrick’s Space Odyssey in a Middle Eastern political context. The recognisable music scores of the 1968 science fiction film are changed to arabesque chords matching the surreal visuals of Sansour’s film.

The film follows the artist herself onto a phantasmagoric journey through the universe echoing Stanley Kubrick’s thematic concerns for human evolution, progress and technology. However, in her film, Sansour posits the idea of a first Palestinian into space, and, referencing Armstrong’s moon landing, she interprets this theoretical gesture as “a small step for a Palestinian, a giant leap for mankind”.

The film offers a naively hopeful and optimistic vision for a Palestinian future contrasting sharply with all the elements that are currently eating away at the very idea of a viable Palestinian state. In A Space Exodus, Sansour does finally reach the moon, although her contact with Palestine’s capital is cut off.

This five-minute short is packed with highly produced visual imagery. The arabesque elements ranging from the space suit to the music are merged within a dreamy galactic setting and elaborate special effects. A great deal of attention is paid to every detail of the film to create a never before seen case of thrillingly magical Palestinian displacement.

ore 18,15

Raffaele De Martino – 2011Unclench (answers) 5,43”

ore 18,30

Raffaele De Martino  – 2010 Raffaele De Martino Huzza 3,42”

ore 18,35

Jana Kasalova – The Animal That Therefore I Am Even Like You 3,08”

ore 18,45

Pantaleo Musarò – video Element Zero2  –remember 3,51” 

ore 18,55

Giovanna D’Amico – The War 4,28”

19,00

Mina D’Elia – Imago Mortis 13,13”

19,15

Larissa Sansour – / Nation Estate (2012) 9,02”

27 giugno 2018

ore 18,30

Francesca Fini – OASI NEL DESERTO (hacking the City) 5,07”

ore 18,45

THE BURNING (2016) 8,07”

ore 18,55

DehorsAudela_FaseDiDormienza_liveArmungia 4,00”

ore 19,05

Raffaele De Martino – 2011 Raffaele De Martino  – U+I 1.zanzanzan 1,36” – 2010 Raffaele De Martino  – U+I 5.4x5cento 2,17” – 2010 Raffaele De Martino – Vento 00,39” – 2010 Raffaele De Martino  – Pshaw 3,26”- 2011 Raffaele De Martino Mani 2,39”

28 giugno 2018

ore 18,00

Kyrahm e Julius Kaiser – Hecce (H)omo, Guerrieri – 16,00′

ore 18, 30

Riccardo Matlakas – soil_soul_2015 5,51”

This is a post-planetarium video. The soul of the earth, coming from a different dimension reincarnating human being, enlivened the earth again. After having left it in human being’s hand, it saw that it was getting too spoiled and that it had to come back in order to let the earth and soil breathe again. concept and performance by Riccardo Matlakas, video by Ana Felix

ore 18,45

Giovanna D’Amico – Ciclico Femminile 11,24

ore 19,00

Giovanni Barbera – Le paradoxe du temps 9’56”

ore 19,20

Giovanni Barbera – Intermental wire; 5’23”

prossimamente programmazione giorni 29/30 giugno

29 giugno 2018

ore 18,00

Jessica Iapino, One Day – All I Wish for You is Me, 2013/2016,

Larissa Sansour. Nation Estate (2012)
Photo and video

The Nation Estate project consists of a 9-minute sci-fi short film and a photo series offering a clinically dystopian, yet humorous approach to the deadlock in the Middle East.

With its glossy mixture of computer generated imagery, live actors and an arabesque electronica soundtrack, the Nation Estate film explores a vertical solution to Palestinian statehood. Palestinians have their state in the form of a single skyscraper: the Nation Estate. One colossal high-rise houses the entire Palestinian population – now finally living the high life.

28/06/2018

Palazzo Marchesale Del Tufo – Museo MACMa – Matino (Le)

Installazioni e opere di:

Silvia Morandi / Angelo Guido / Pantaleo Musarò / Gim Gwang Cheol / Jana Kasalova

performance di Gim Gwang Cheol e Park Kyeong Hwa #Logic Alchemy 1 # 2 # 3 #

Lecce

Officine Culturali Ergot

 

6/7 settembre 2018

performance e installazioni visive Leandro Summo

Leandro Summo, nato a Corato (Ba) nel 1990. Artista visivo che ha iniziato il suo percorso di ricerca e sperimentazione sin dal 2013 in contemporanea al percorso formativo presso l’Accademia di Belle Arti di Bari. L’obiettivo è incentrato principalmente sullo sviluppo delle nuove tecnologie legate all’arte, specializzando i campi di applicazione in: realtà aumentata, video mapping indoor/outdoor, video art, a/v performance e installazioni interattive.

In altre parole, Studio Leandro Summo è l’incessante bisogno di comunicare, il desiderio di distruggere e ricostruire consueti metodi comunicativi oramai obsoleti. Nell’ “atto”, non è ammesso individuare confini tra spazio e tempo, tra autore e fruitore, tra musica e architettura ma teleologicamente giungere ad un’ esperienza percettiva unica: creare un superamento interattivo dell’espressività digitale nel quale soggetto, oggetto e la materialità della performance si fondono nel continuum di un multi-tasking estetico-sensoriale. Il processo, osmoticamente importante quanto il risultato dell’esperienza, realizza una sintesi che connette, facendo propria l’urgenza della lezione del minimalismo, gli elementi atomici dell’arte digitale, la luce, l’elettricità “bruta”, con le modalità mentali di produrre il visualizzare, l’ascoltare, il sentire tout court.

In maniera paradossale, viene così in luce l’elemento al contempo inquietante e rassicurante delle nuove tecnologie nell’arte: maggiore è l’incidenza dell’artificiale più si evidenzia che la pretesa naturalità della fruizione artistica si fonda su un imprescindibile elemento culturale. Culturale ergo squisitamente umano.”

Festival della performance

Le date

5 maggio ’18 ore 19,00

Massimiliano Manieri & Simona Schirinzi “Nulla è come appare” Palazzo Scarciglia – Minervino di Lecce

24 maggio ’18 – ore 18,00

Pantaleo Musarò “Il mio viaggio” video performance con intervento di lettura attoriale di Loredana Iafrate – La Napoli Sotterranea – Napoli

25 maggio’18 – ore 19,00 Ippodromo di Agnano

Pantaleo Musarò “Il mio viaggio” video performance con intervento di lettura attoriale di Loredana Iafrate- Presentazione

24 giugno ’18 –

Inaugurazione artperformingfestival  Palazzo Di Lorenzo – Galatina (Lecce)

 

il calendario

26 giugno’18 ore 18,00  –   Meanwhile in Texas – in definizione ore 19,30 2° azione performativa performance Massimiliano Manieri

28 giugno ’18 ore 18,00  – Gim Gwang Cheol & Park Kyeog Hwa (Corea del Sud)  Logic Alchemy #1 – #2 – #3 Palazzo Di Lorenzo Galatina

29 giugno ’18 ore 19,00  – Veronica CentonzeIII & Dominique Dominique (Salento) – Palazzo Di Lorenzo Galatina (Lecce) Body painting – set fotografia

30 giugno ’18 ore 19,00 – Giovanna D’Amico (Galatina)

01 luglio ’18  ore 19,00 – Gim Gwang Cheol & Park Kyeog Hwa (Corea del Sud)  Logic Alchemy #1 – #2 – #3 Galatina (Lecce)

02 luglio ’18  ore 19,00 – Jana Kasalova (Rep. Ceca)  Masseria Panareo – Porto Badisco

04 luglio’18 ore 19,00 –  Mina D’Elia (Salento), Palazzo Scarciglia – Minervino di Lecce

06 luglio’18  ore 19,00 – ( in definizione)

08 luglio ’18 ore 19,00 – Bibiana La Rovere – Masseria Panareo (Porto Badisco – Le)

09 luglio 2018 ore 19,30  – “Absortion” performance di Silvia Morandi – Galatina Palazzo Di Lorenzo

10 luglio 2018 –  Mina D’Elia – Villa Baldassarri (Le) – foto performance

6/7 settembre  2018 – Leandro Summo installazioni e sound sperimentali – Ergot Officine Culturali, Lecce

 

Organizzazione: Gianni Nappa (curatore), Ester Esposito (GlobalStrategies Srl. Comunicazione), Pantaleo Musarò (artista e co-organizzatore)

Ufficio stampa e comunicazione Associazione artperformingfestival & GlobalStrategies S.r.l.

 

Per info ed accrediti: Ester Esposito (+39 392 2434816) – Gianni Nappa (+39 347 5452737)

www.artperformingfestival.it



Sto caricando la mappa ....

Data e Ora
24/06/2018 / 18:00 - 22:00

Luogo
Palazzo Di Lorenzo