home Brevissime, Installazione Il Prometeo di Costas Varotsos

Il Prometeo di Costas Varotsos

Al Teatro di Epidauro, in Grecia, andrà in scena, dal 9 agosto, lo spettacolo Prometheus Bound. L’allestimento scenico sarà a cura di Costa Varotsos.

Di seguito alcune immagini ufficiali delle prove e, in testata, un’immagine che lo stesso Varotsos ha scattato per Segnonline.

Così descrive la scenografia Costas Varotsos in un’intervista alla rivista greca online The Best.

Questa è una tragedia molto importante, che in modo strano coincide con l’età moderna, anche se troviamo sempre la relazione senza tempo tra le domande dell’antica segreteria greca e oggi. Prometeo, ha dato luce e fuoco alle persone, voleva aiutarle, contro il potere. È l’archetipo della società umana che si oppone alle regole e alle leggi. E la società greca ci sta “spingendo” anche se continua a subire una tragedia e un collasso perché ha difficoltà ad evolversi. La civiltà post-bizantina, sfortunatamente, trasmetteva la sua stagnazione e interiorità alla nostra cultura, contro le idee dell’antichità che si basavano su domande ed evoluzioni. Ogni volta che dovevamo evolvere avevamo tragedie …

Prometeo, quindi, è punito per il desiderio di evolvere, e imprigionato. Non pensavo fosse importante mostrare la montagna e la roccia dove l’hanno legata. Ho scelto di presentare un’installazione che segna la transizione da alta a bassa, la relazione tra santuario e terra in cui opera verticalmente. L’ho letto come un trasferimento da una dimensione all’altra. Ho usato ferro, glitter e luci in un approccio minimalista per evidenziare non solo la performance degli attori ma anche il rispetto per un monumento antico come Epidauro.

Il palco è stato realizzato con la collaborazione dell’attrice protagonista Kathryn Hunter e del regista Stavros Tsakiris

Kathryn Hunter è una grande personalità teatrale. La caratterizza come una relazione di autosacrificio con la sua arte perché ha davvero dato la sua vita al teatro. Ha una tale passione che Prometeo si adatta al suo “guanto”. Stiamo costantemente discutendo la scena.

In generale, ovviamente, non mi occupo del teatro. Diversi anni fa è stato diretto da Stavros Tsakiris “Antigone”. È stata un’esperienza incredibile per me, così posso ri-lavorare con lui. Ora ci collega l’amicizia e il rispetto.

Roberto Sala

Art director della rivista Segno insegna Grafica editoriale all'Accademia di Belle Arti di Brera