home Grandi mostre, Recensioni PAC: Anna Maria Maiolino

PAC: Anna Maria Maiolino

Il PAC – Padiglione d’Arte Contemporanea di Milano propone fino al 1 settembre 2019 “O AMOR SE FAZ REVOLUCIONARIO”, prima mostra italiana in un’istituzione pubblica dedicata ad Anna Maria Maiolino (Scalea, 1942).

Un importante esposizione dove è possibile osservare ben oltre 300 opere dell’artista italo-brasiliana: dai disegni di una giovanissima Maiolino – studentessa d’arte a Caracas – fino alle ultime sue creazioni. La mostra, a cura di Diego Sileo, si configura come la più ampia retrospettiva dell’artista mai realizzata fino ad ora in cui è possibile ripercorrere e comprendere il percorso eclettico e rivoluzionario di un’artista che è riuscita a fondere in uno stile esemplare ed inimitabile la creatività italiana e la sperimentazione delle avanguardie brasiliane.

Traendo ispirazione dall’immaginario quotidiano femminile e dall’esperienza dell’oppressiva e censoria dittatura brasiliana degli anni Settanta e Ottanta, Maiolino realizza opere ricche di un’energia vitale percepibile già ad una prima visione. Una ricerca, la sua, caratterizzata dal tema dell’amore – per le sue origini, la sua famiglia, la sua terra d’adozione e il suo lavoro – che indaga i rapporti umani, le difficoltà comunicative e di espressione, percorrendo il labile confine tra fisicità e sfera intima e spirituale. Accoglie l’osservatore l’installazione site specific “O amor se faz revolucionário” (2019) realizzata interamente in argilla, materiale che fin dal «primo incontro […] nel 1989 provocò in me una tempesta». Un’introduzione che è solo una piccola premessa di ciò è visibile nelle successive sale, in cui per la prima volta è possibile ammirare anche le sue grandi pitture degli anni Novanta, mai esposte prima, nonché lavori provenienti dai più importanti musei Brasiliani come il MAM di Rio de Janeiro, il MASP e la Pinacoteca di Stato di San Paolo. Un’esposizione che narra, a ritroso e per decadi, la carriera artistica di questa donna – dai disegni ai dipinti, dalle sculture alle fotografie, dai video alle installazioni – iniziata nei primi anni Sessanta e ancora oggi fertile, in grado di influenzare molti artisti delle nuove generazioni.

Successivamente la mostra, promossa dal Comune di Milano e prodotta dal PAC con Silvana Editoriale, si sposterà a Londra grazie alla collaborazione con la Whitechapel Gallery.

Anna Maria Maiolino: “O AMOR SE FAZ REVOLUCIONARIO”

a cura di Diego Sileo

dal 28 marzo al 01 settembre 2019

PAC – Padiglione d’Arte Contemporanea

Via Palestro, 14 – 20121 – Milano

ingresso a pagamento

tel: +39 02 88.44.63.59

email: info@pacmilano.it

sito: www.pacmilano.it/

About The Author