home Brevissime A CIELO APERTO 2018

A CIELO APERTO 2018

L’Associazione Culturale Vincenzo De Luca presenta il progetto A Cielo Aperto a cura di Bianco-Valente e Pasquale Campanella, attività di ricerca e di sperimentazione che si svolge annualmente nel Comune di Latronico con gli intendimenti di rivalutazione e di rivitalizzazione di un luogo sotto il sigillo dell’arte contemporanea.

Denso il programma di A Cielo Aperto 2018 che ha visto susseguirsi una serie di impegni meritevoli di citazione. (T)here e Billboards sono le due opere permanenti  inaugurate il giorno 11 Agosto. (T)here  di Giovanni Giacoia e Giuseppe Giacoia è un’idea di mappa comunitaria iniziata nel luglio del 2017, con azioni performative e camminamenti sul territorio urbano di Latronico, che vede la sua conclusione con l’inaugurazione di un’opera permanente in località Arenara. La scultura, installata in un ambiente naturale, consiste in un blocco di pietra grigia di Latronico sulla quale sono stati creati 23 vuoti e 23 tasselli incisi con iscrizioni in forma simbolica. Le iscrizioni sono la sintesi delle informazioni sensoriali raccolte durante le ricognizioni sul territorio che Giovanni e Giuseppe Giacoia hanno proposto alla cittadinanza. Billboards di Maurizio Montagna trae le sue radici da una ricerca personale dell’artista di cui fa parte anche l’omonimo progetto editoriale pubblicato nel 2008, un rigoroso catalogo che ritrae più di 80 cartelli pubblicitari di grande formato in disuso, fotografati in serie. Un progetto attraverso una lettura documentaria che non fa leva su quello che il cartello inquadra o delimita, ma seleziona e costruisce oggetti collocati nel paesaggio e interpretati come ready made. Privati della propria funzione originaria  gli espositori e i pannelli pubblicitari acquisiscono una peculiare indipendenza, si trasformano in sculture e installazioni. Il 21 Agosto hanno invece avuto luogo il concerto del compositore e musicista elettroacustico knn(Renato Grieco) intitolato Composizione di Retorica e l’inaugurazione della mostra Fuori luogo. Composizione di Retorica coglie la sua ispirazione da un volume stampato da Tristano Martinelli in singola copia nel 1601 in cui alcuni personaggi della commedia dell’arte vengono presentati in una lingua incomprensibile: miscuglio di latino, volgare, francese e spagnolo, con una forte connotazione comico grottesca. Così come l’Arlecchino si prende gioco della lingua e della narrazione, in Composizione di retorica lo strumento si fa libro bianco, all’interno del quale sfilano delle maschere archetipiche estratte da un archivio enorme e manipolate in tempo reale, attraverso l’uso dei nastri magnetici, di microfoni e di dispositivi elettroacustici. Fuori luogo è un progetto sulla migrazione economica che coinvolge il Sud Italia e in modo più ampio l’ Europa e oltre. Protagoniste sono 13 bandiere che verranno successivamente installate alla fine di Settembre sui balconi di abitazioni private in piazza Magione a Palermo. Questo intervento è realizzato per Border Crossing, evento collaterale di MANIFESTA 12 – Il Giardino Planetario. Coltivare la coesistenza e rientra nelle iniziative di Palermo Capitale della Cultura Italiana 2018. Gli artisti invitati  sono: ALAgroup, Simona Da Pozzo, Antonio Della Guardia, Emilio Fantin, Serena Fineschi, Radical Intention, Laure Keyrouz, Francesca Marconi, Elena Mazzi, Patrizio Raso, Michael Rotondi, Raffaella Spagna – Andrea Caretto, Museo Wunderkammer.

A seguire una ricca galleria fotografica di A Cielo Aperto 2018.