Angelo Accardi, Mi è sembrato di vedere uno struzzo