Antonio Possenti: di segni e di sogni

Verrà inaugurata sabato 19 maggio e resterà aperta fino all’11 novembre prossimo, «Di segni e di sogni», personale di Antonio Possenti che per 6 mesi sarà ospitata nelle splendide sale della Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea “Lorenzo Viani” di Viareggio.

Una mostra organizzata dal Comune di Viareggio, (a cura di Alessandra Belluomini Pucci, Claudia Fulgheri e Gaia Querci), patrocinata dalla Regione Toscana e dal Mibact, e realizzata grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca, iCare, Assicurazioni Generali, Promoter.

L’Appuntamento per il vernissage è per sabato 19 maggio 2018 alle ore 19.00, alla presenza del sindaco Giorgio Del Ghingaro e del Soprintendente Luigi Ficacci: una serata all’insegna dell’arte, in occasione della Notte Europea dei Musei, che si inserisce nell’ambito del progetto regionale Amico Museo e celebra nel migliore dei modi i 10 anni dall’apertura della galleria.

Ai saluti istituzionali, e dopo una breve presentazione della mostra, seguirà, a partire dalle 21.00, la proiezione del documentario «Storie di Altromare. Omaggio a Antonio Possenti» di Lorenzo Garzella.

In tutto sono ottanta le opere che illustrano il peculiare linguaggio del Maestro che si muove tra l’interpretazione della realtà quotidiana e dilatazione immaginativa. Protagonista il mondo di Possenti dagli autoritratti, alla natura, al mare del litorale tirrenico, Livorno, l’isola d’Elba, la Versilia: i soggetti sono balene, granchi, tartarughe, pesci volanti e sirene che saltano o si inabissano tra le onde.

Rapito nel suo mondo immaginario, Possenti manifesta, con assoluta naturalezza, la predilezione per la letteratura e le leggende, restituite da opere caratterizzate da strutture compositive complesse, evocative, sottilmente satiriche come le opere dedicate a Edgar Allan Poe, Dino Campana, o alle leggende del Ponte del Diavolo e Lucida Mansi.



Sto caricando la mappa ....

Data e Ora
19/05/2018 / 19:00 - 23:00

Luogo
Galleria d\'Arte Moderna e Contemporanea Lorenzo Viani