CUBA. Tatuare la storia

CUBA. Tatuare la storia, aprirà al pubblico venerdì 7 ottobre presso ZAC – Zisa Arti Contemporanee, promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Palermo in coproduzione con il PAC di Milano. La mostra, a cura da Diego Sileo e Giacomo Zaza è organizzata da ruber.contemporanea – coordinamento progettuale di Antonio Leone e Giulia Ingarao, allestimento a cura di Giuseppe Pulvirenti – in collaborazione con l’accademia di belle arti di Palermo/dipartimento di comunicazione e didattica dell’arte.

Questa è la seconda tappa della collaborazione tra le due istituzioni dopo la personale della performer guatemalteca Regina José Galindo nel 2015.

La mostra, che traccia una linea guida sull’arte cubana, dentro e fuori dell’isola, vede la partecipazione di 31 artisti cubani tra i più noti e influenti nel panorama artistico internazionale, attivi dalla fine degli anni Settanta in poi, più della metà dei quali oggi vive e lavora a L’Avana: Juan Carlos Alom, Tania Bruguera, María Magdalena Campos-Pons, Javier Castro, Celia-Yunior, Susana Pilar Delahante Matienzo, Ángel Delgado, Humberto Díaz, Carlos Garaicoa, Luis Gárciga, Luis Gómez Armenteros, Antonio Gómez Margolles, Félix González-Torres, Ricardo Miguel Hernández, Kcho, Tony Labat, Ernesto Leal, Reynier Leyva Novo, Los Carpinteros, Meira Marrero & José Toirac, Carlos Martiel, Ana Mendieta, Reinier Nande, Glexis Novoa, Marta María Pérez Bravo, Eduardo Ponjuán, Wilfredo Prieto, Grethell Rasúa, René Francisco Rodriguez, Lázaro Saavedra, Tonel.

Cuba è nell’immaginario collettivo luogo utopico e di contraddizioni: simbolo di resistenza per alcuni, di protesta per altri. Accostare lo sguardo a un Paese estremamente complesso come Cuba e alla sua esperienza artistica più recente non consente di omettere la dimensione politica e storica del Paese, soprattutto in relazione a quanto avvenuto nell’ultimo cinquantennio. Esperienze tanto specifiche e peculiari che si riflettono sulla stessa espressione artistica, in cui il confine geografico o politico agisce come elemento di connessione attivando riflessioni contrapposte. Dinanzi a così tanti elementi di natura e ordine diverso, che insieme confluiscono definendo le contraddizioni che poi sono la storia di un popolo, non resta che guardare al frammento; analizzare il particolare, senza avere la pretesa che sia il riflesso dell’universale, ma con la consapevolezza che ne costituisce un segmento necessario.

La mostra parte da un omaggio a Ana Mendieta e Félix González-Torres, attraverso una vasta selezione di opere e installazioni di artisti attivi dalla metà degli anni Settanta del Novecento in poi, traccia un percorso che lega presenze più storicizzate con le ricerche delle ultime generazioni (artisti nati negli anni ‘80 e ‘90).

Sarà presente anche un’installazione di Luis Gómez Armenteros pensata per Palermo in cui propone una vera e propria disamina della produzione pittorica delle ultime generazioni. Un’installazione che, attraverso fotografie e strumenti di lavoro, documenta spazi, tecniche e processi creativi degli artisti attivi a Palermo. L’installazione verrà realizzata con il contributo di alcuni artisti attivi a Palermo: Sergio Amato, Marcello Buffa, Andrea Buglisi, Gabriella Ciancimino, Stefania Galegati Shines, Gennari Ruta, Marco Mirabile, Igor Scalisi Palminteri, Linda Randazzo, William Marc Zanghi.

In occasione dell’inaugurazione, il performer Carlos Martiel (1989) presenta a Palermo un’azione inedita dal titolo Plaga. Le sue performances, spesso estreme e dal carattere eversivo proprio della denuncia, richiedono grande capacità di sopportazione del dolore fisico e sono incentrate su temi politici legati alla privazione della libertà. La performance Plaga riflette sulla diffusione delle politiche neonaziste e della xenofobia nei paesi europei, come risultato della crisi economica e delle politiche razziste contro le minoranze etniche. Anche Susana Pilar Delahante Matienzo nella sua performance Reterritorialización lavora sul disorientamento individuale o collettivo che implica lo scambio culturale tra chi è accolto e colui che accoglie.

Il catalogo, pubblicato da SilvanaEditoriale, contiene testi inediti dei due curatori e dell’artista e critico d’arte Tonel, oltre a un ricco apparato iconografico.
Per la performance di Carlos Martiel si ringrazia per il sostegno: Galleria Rossmut – Roma

Per la performance di Susana Pilar si ringrazia per il sostegno Galleria Continua – San Gimignano, Beijing, Les Muolins, La Habana.

CUBA.Tatuarelastoria
Palermo 7 ottobre – 18 dicembre 2016
ZACZisaArtiContemporanee – via paolo gili, 4
orari di apertura: martedì – domenica dalle 10.00 alle 18.00 – lunedì chiuso
ingresso gratuito
Responsabile della Comunicazione – Virginia Glorioso
info: +39 380 2003336 – info@rubercontemporanea.it

ufficio stampa
antonio gerbino
+39 335 413512
antoniogerbino.press@gmail.com

Sindaco / Mayor Leoluca Orlando

Assessore alla Cultura / Councillor for Cultural Affairs Andrea Cusumano

Dirigente di Settore, Capo Area Cultura / Director of Cultural Affairs Sergio Forcieri

Direttore Galleria d’Arte Moderna di Palermo / Director of Modern Art Gallery Palermo Antonella Purpura

Promossa da / Promoted by

Comune di Palermo, Assessorato alla Cultura

Organizzata da / Organized by

ruber.contemporanea

Con la collaborazione di / In collaboration with Accademia di Belle Arti di Palermo / Dipartimento di Comunicazione e Didattica dell’Arte

(diCODA)

Coordinamento progettuale / Project manager

Antonio Leone

Consulenza scientifica e Coordinamento attività didattica / Scientific advice and Educationalactivities

Giulia Ingarao

Assistente coordinatore (didattica e organizzazione) / Assistant Francesca Renda

Progetto grafico / Graphic design

Donato Faruolo

Film Editor/ Benito Frazzetta

Progetto allestimento / Exhibition design

Giuseppe Pulvirenti

Condition report

Salvatore Davì

Ufficio Stampa / Press Office Antonio Gerbino

Responsabile Comunicazione / Communication Virginia Glorioso

Community Manager social network / Daniela Tomasino

Tecnico audio video /Audio video tecnician Maurizio Ruggiano

Filmmaker / Riccardo Lupo

Documentazione fotografica mostra / Exhibition photographic documentation Alessandro Di Giugno

Coordinamento esecutivo allestimento / Coordinator of the exhibition installation

Alessandro Di Giugno

Si ringrazia / thanks

Mirko Pace

Ringraziamenti / Acknowledgements

Alessandra Buccheri, Pasqua de Candia, Antonio Di Lorenzo, Attilio Sulli, Davide Trogu, Mario Zito

Allestimento realizzato con la collaborazione degli studenti del corso di Progettazione dei sistemi espositivi e museali dell’Accademia di Belle Arti di Palermo, coordinati dalla Prof.ssa Agnese Giglia del corso di Allestimento degli spazi espositivi: Alice Sanzillo, Martina Ficicchia, Roberta Troia, Nadia Spanò, Antonino Prestigiacomo, Giovanna Cusenza, Chiara Calcavecchia, Cecilia Marchica, Flavia Miriam Cappello, Claudia Cangemi.

Visite guidate e accoglienza alla mostra a cura degli studenti del corso di Didattica dell’Arte dell’Accademia di Belle Arti di Palermo, coordinati dalla Prof.ssa Emilia Valenza: Giulia Alessi, Letizia Billeci, Vincenzo Billeci, Alessia Bonura, Antonino De Santis, Valentina De Santis, Agata Di Girolamo, Soraja Fiotti, Valeria Gandolfo, Lorena Intravaia, Margherita La Mattina, Felicia Manasseri, Melina Manna, Virginia Monteleone, Sonia Moro, Gabriella Nobile, Nadia Pavone, Monia Privitera, Francesca Raimondo, Clara Sorce, Jvana Tranchina, Eliana Urbano Raimondi.

L’installazione di Luis Gómez Armenteros è stata realizzata con la collaborazione degli artisti:

Sergio Amato, Marcello Buffa, Andrea Buglisi, Gabriella Ciancimino, Stefania Galegati Shines, Genuardi Ruta, Marco Mirabile, Igor Scalisi Palminteri, Linda Randazzo, Wiliam Marc Zanghi

Per la performance di Carlos Martiel si ringrazia per il sostegno: Galleria Rossmut – Roma

Per la performance di Susana Pilar si ringrazia per il sostegno Galleria Continua – San Gimignano, Beijing, Les Muolins, La Habana.



Sto caricando la mappa ....

Data e Ora
07/10/2016 / 18:30 - 22:00

Luogo
ZAC Zisa Zona Arti Contemporanee