esposizione “Quello che rimane – Minus.log”

“Quello che rimane” è la prima personale di Minus.log (a cura di Martina Lolli), collettivo che lavora sulla riduzione di stimoli visivi e uditivi, composto da Manuela Cappucci e Giustino Di Gregorio. L’esposizione presenterà opere inedite che fanno parte della loro più recente ricerca: installazioni audio-visive, lavori pittorici, video e stampe nati dal dialogo fra l’uomo e la tecnologia.
La candide stanze del Museolaboratorio accoglieranno ambienti immersivi in cui la tensione si allenta e i ritmi decelerano: proiezioni di linee di luce si attivano su eleganti supporti scultorei al ritmo di un tappeto sonoro minimalista (Cure); il soverchiante cyberspazio del web si fa caldo quando si intuisce un’umanità di fondo nel ripetersi di casuali errori di battitura su una pagina bianca (No matter how many times, repeat); rarefatte tracce pittoriche vibrano su tele e garze intrise di pigmento bianco creano delicati chiaroscuri da percepire con attenzione.
La ricerca di Minus.log esplora il fascino e la poesia dell’errore umano accostato alla perfezione del digitale attraverso un’interazione che genera attesa, ripetizione, ritardo o meglio scarti della produttività che indicano un pensiero divergente. Questo calo di “pressione” temporale si propone come momento di sospensione al celere flusso degli scambi comunicativi di oggi, sostenuto e alimentato da una tecnologia che detta i tempi all’uomo e che,  richiedendo prestazioni aumentate, ne anestetizza la sensibilità. In “Quello che rimane” la tecnologia non è antagonista dell’uomo, ma interagisce con esso e diviene dispositivo poetico che amplifica le sue capacità di ascolto e di osservazione. Dalla fruizione degli ambienti emergeranno risonanze emotive legate al bagaglio di esperienza dell’individuo e alla sua vita interiore; infatti con il titolo “Quello che rimane” non si allude solo alla cifra estetica, ma anche a un personale portato esistenziale che le opere di Minus.log andranno a toccare facendo riemergere memorie sedimentate in particolari stati d’animo. “Allentare il pensiero per lasciare zone di senso lato significa intravedere nelle sue smagliature un qualcosa di nuovo e remoto allo stesso tempo, qualcosa che permane a lungo perché è sempre stato lì”.



Sto caricando la mappa ....

Data e Ora
12/03/2016 / 18:00 - 21:00

Luogo
Museolaboratorio Ex Manifattura Tabacchi