Nuovo libro: Giorgio Griffa – Sorella acqua, www.ideaazione.com

Questo volume di 208 pagine è dedicato alle opere su carta di Giorgio Griffa (Torino, 1936), uno dei più raffinati e colti artisti contemporanei. “Pittore” tradizionale, che ha sviluppato a partire dal 1968 una personalissima ricerca basata sulla capacità combinatoria dei segni, sulla memoria della pittura e sulla sua intrinseca possibilità di rigenerarsi, per Griffa dipingere è un confronto continuo e costante con quell’ignoto che non può essere rappresentato, pena la sua dissoluzione. Il supporto, sia esso una tela non preparata o un foglio di carta fabbricato a mano, è il luogo in cui la mano dell’artista, grazie al gesto semplice di appoggiare il pennello, lascia le sue tracce e deposita i suoi segni, semplicissimi eppure ricchissimi di storia e di memoria. Le carte di Griffa, realizzate con la tecnica dell’acquarello, della quale conservano l’immediatezza, non ammettono ripensamenti né correzioni e rivelano un’eccezionale capacità di interpretare l’intelligenza della materia, rispettandone la sua struttura e adeguandosi ad essa, riconoscendo che non vi è un primato dell’artista sui mezzi. Introdotto da uno scritto di Federico Sardella, questo libro contiene una lunga conversazione con l’artista e un suo testo inedito, una serie di citazioni da suoi testi, oltre alle immagini di 66 opere su carta, uno dei supporti che Griffa preferisce. Questo libro si propone di raccontare la semplicità apparente dell’arte di un grande Artista-filosofo del nostro tempo che, come ha scritto recentemente Roberta Smith sul New York Times, merita un posto nella storia mondiale dell’Astrattismo.



Mappa non disponibile

Data e Ora
01/11/2017 / 00:00