Pentastrattisti italiani: “L’uomo e gli spazi informali”