Piero Golia – Welcome

Attraverso idee, forme e gesti specifici, Piero Golia crea opere che sovvertono la concezione dell’arte contemporanea. Spesso la loro ambientazione è uno spazio pubblico, sebbene non appartengano ad alcuna categoria, non si tratta infatti né di Land art né di arte pubblica. Ad esempio nel 2006, facendo eco all’opera di Bas Jan Ader, scomparve da New York per riapparire tre settimane dopo a Copenaghen per tenere una presentazione alla Royal Academy of Arts sul suo atto di sparizione. Nel 2010, creò Luminous Sphere, una sfera luminosa, installata sul tetto dello Standard Hotel sulla Sunset Boulevard a Los Angeles, che si accende quando l’artista è in città e si spegne quando viaggia. Nel 2005, sempre a Los Angeles, ha dato inizio alla Mountain School of Art (MSA^) con l’artista Eric Wesley. Se da un lato il progetto richiama il leggendario “Black Mountain College”, dall’altro sfida le differenze tra una scuola, un’opera d’arte, un bar e un centro sociale, dove si mescola arte, educazione, fare contatti e fare amicizia. Concepita come parte di un corpo di lavori creati per disorientare lo spettatore, Welcome (sottosopra) raccoglie non solo lo spirito originario della sua creazione, ma diventa, in un tempo come il nostro, una dichiarazione importante.

Welcome di Piero Golia costituisce il sesto capitolo di “5779”, il progetto espositivo che inaugura la prima stagione di BUILDINGBOX, uno spazio indipendente facente parte di BUILDING ma caratterizzato da un programma unico e autonomo. Il progetto, a cura di Nicola Trezzi, ha aperto nella settimana di Rosh HaShana, il capodanno dell’anno 5779, come dice il titolo stesso, secondo il calendario ebraico.



Sto caricando la mappa ....

Data e Ora
04/02/2019 / 10:00 - 19:00

Luogo
Building

www.instagram.com/building.gallerywww.facebook.com/building.gallerywww.twitter.com/BuildingGallery