home Brevissime, Estero Frieze Sculpture 2018

Frieze Sculpture 2018

Inaugurata il 4 luglio Frieze Sculpture edizione 2018 al Regent’s Park di Londra. Per tre mesi, fino al 7 ottobre, 25 opere di artisti contemporanei e moderni presentati da gallerie di fama mondiale, selezionate e collocate da Clare Lilley (direttore del programma, Yorkshire Sculpture Park), saranno visibili nel cuore della città, sia per i londinesi che per i visitatori internazionali.

Lo scorso anno, la prima edizione di Frieze Sculpture in estate è stata un successo clamoroso, con oltre cinque milioni di visitatori che hanno potuto ammirare le sculture di artisti di tutto il mondo al Regent’s Park di Londra. L’edizione 2018 è altrettanto ampia e diversificata, in modo che il pubblico e i collezionisti possano allo stesso modo sperimentare opere d’arte di livello mondiale nei bellissimi Giardini Inglesi, progettati da Markham Nesfield nel 1866. La mia speranza è che la mostra possa dare una pausa di riflessione così come grande piacere, e che i visitatori di Regent’s Park avranno un’istantanea della fantastica immaginazione degli artisti e della varietà di sculture realizzate oggi – Clare Lilley, Curatore

Frieze Sculpture riunisce 25 artisti provenienti da cinque continenti: Larry Achiampong, John Baldessari, Rana Begum, Yoan Capote, James Capper, Elmgreen & Dragset, Tracey Emin, Tim Etchells, Rachel Feinstein, Barry Flanagan, Laura Ford, Dan Graham, Haroon Gunn-Salie, Bharti Kher, Kimsooja, Michele Mathison, Virginia Overton, Simon Periton, Kathleen Ryan, Sean Scully, Conrad Shawcross, Monika Sosnowska, Kiki Smith, Hugo Wilson e Richard Woods.

Clare Lilley ha dichiarato: “Artisti di diverse generazioni e provenienti da tutto il mondo – tra cui un forte contributo femminile – si uniranno e esploreranno molteplici concetti, tra idee politiche e architettoniche, forme animali e sperimentazione materiale”.

La lista completa dei lavori:

Larry Achiampong
PAN AFRICAN FLAGS FOR THE RELIC TRAVELLERS’ ALLIANCE (2018)
Copperfield

John Baldessari
Penguin (2018)
Marian Goodman Gallery

Rana Begum
No. 814 (2018)
The Third Line, Jhaveri Contemporary, Kate Macgarry, Galerie Christian Lethert

Yoan Capote
Stress (2004)
Ben Brown Fine Arts

James Capper
TREADPAD B – PAIR 2
WALKING SHIP 40 TON STANDARD DISPLACEMENT 4 LEG (DIA 1000)
(2018)

TREADPAD B – PAIR 1
WALKING SHIP 80 TON STANDARD DISPLACEMENT 4 LEG (DIA 1400)
(2018)
Hannah Barry Gallery

Elmgreen & Dragset
Si par une nuit d’hiver un voyageur (2017)
Galerie Perrotin

Tracey Emin
A Moment Without You (2017)
White Cube

Tim Etchells
Everything is Lost (2018)
VITRINE

Rachel Feinstein
Octavio, Mezzetino, Corine, Chinoisie (2018)
Gagosian Gallery

Barry Flanagan
Large Nijinski on Anvil Point (2001)
Waddington Custot

Laura Ford
Dancing Clog Girls I-III (2015)
New Art Centre

Dan Graham
London Rococo (2012)
Lisson Gallery

Haroon Gunn-Salie
Senzenina (2018)
Goodman Gallery

Kimsooja
A Needle Woman: Galaxy was a Memory, Earth is a Souvenir (2014)
Axel Vervoordt Gallery

Bharti Kher
The Intermediary Family (2018)
Hauser & Wirth

Michele Mathison
Parallax (2018)
Tyburn Gallery

Virgina Overton
Untitled (122 x 244 View) (2018)
White Cube

Simon Periton
Outdoor Miner (2018)
Sadie Coles HQ

Kathleen Ryan
il Volatile (2018)
Josh Lilley Gallery

Sean Scully
Shadow Stack (2018)
Blain|Southern

Conrad Shawcross
Optic Labyrinth (Arrangement I) (2018)
Victoria Miro

Kiki Smith
Seer (Alice I) (2005)
Timothy Taylor

Monika Sosnowska
Rebar 12 (2017)
Hauser & Wirth

Hugo Wilson
Pact (2017-18)
Parafin

Richard Woods
Holiday Home (Regent’s Park) (2018)
Alan Cristea Gallery

Da questo link la mappa con tutte le collocazioni.

TAGS:

Roberto Sala

Art director della rivista Segno insegna Grafica editoriale all'Accademia di Belle Arti di Brera