home Anticipazioni Nuit Blanche 2010

Nuit Blanche 2010

Torna per il nono anno la Nuit Blanche, uno dei principali appuntamenti dell’arte contemporanea parigina. Sotto la direzione artistica di Martin Bethenod,tra il 2 e il 3 Ottobre, la città si accenderà di tutti i colori possibili. Tre aree cittadine, il centro, la zona Est e la zona Ovest, interconnesse dal servizio della metropolitana, saranno teatro di performance, mostre, eventi, installazioni. Questa edizione si focalizza principalmente sulle arti plastiche nello scenario contemporaneo, ospitando interventi di innumerevoli artisti internazionali.

Il “percorso” nella zona Ovest, centrato attorno all’Alma, si snoda tra le sedi delle principali istituzioni culturali e vedrà impegnati SASHA WALTZ al Théâtre des Champs-Elysées, NICOLAS MILHÉ nel parcheggio dell’Alma, BERTRAND LAMARCHE alla Fondation Pierre Bergé-Yves Saint Laurent, JOACHIM KOESTER al City of Paris Museum of Modern Art, CERITH WYN EVANS nei giardini del Musée Galliera, CHEN ZHEN al Musée Guimet, WILFREDO PRIETO al Pavement, place du Trocadéro e LE PAVILLON al Palais de Tokyo.

La zona centrale è intorno all’Île Saint-Louis, l’Île de la Cité, al quartiere Le Marais e ospiterà ERIK SAMAKH all’Hôtel-Dieu, THIERRY DREYFUS alla Cattedrale di Notre-Dame de Paris, CÉLESTE BOURSIER-MOUGENOT all’Hôtel de Lauzun, TINO SEHGAL all’École nationale sup. des Beaux-Arts, BRICE DELLSPERGER al Théâtre du Châtelet, KEREN CYTTER al Théâtre de la Ville, MICHELANGELO PISTOLETTO di fronte alla facciata del Municipio parigino, PIERRE BISMUTH al Musée d’art et d’histoire du Judaïsme, HANS SCHABUS nel cortile della Bibliothèque Historique de la Ville de Paris, ARIANE MICHEL nel piazzale della scuola Saint-Louis en l’île, ERIK SAMAKH in Piazza Georges Cain e FAYÇAL BAGRICHE all’Hôtel d’Albret.

La zona Est gravita attorno al quartiere di Belleville, area dalla vibrante attività creativa, recentemente rafforzata dalla prima edizione della Biennale di Belleville. In questa occasione sarà teatro delle mostre, delle performance e delle installazioni di HEEWON LEE e LOUIDGI BELTRAME all’École Nationale Sup. D’Architecture de Paris-Belleville, CLAIRE FONTAINE nell’area di Sainte-Marthe, LANG/BAUMANN alla scuola elementare, boulevard de Belleville, REBECCA BOURNIGAULT a Le Zèbre de Belleville, CLAUDE LÉVÊQUE al parco di Belleville, HAKIMA EL DJOUDI in Rue de la Fontaine au Roi, ULLA VON BRANDENBURG, CAETANO DIAS e ZHENCHEN LIU alla Maison des Métallos, MATTHIEU LAURETTE alla Galerie Gaudel de Stampa, IVAN PISINO e MATTEO TORTONE alla Galerie Italienne, ANDRÉ GUEDES alla Galerie Crèvecoeur, LOUISE HERVÉ e CHLOÉ MAILLET alla Galerie Marcel Alix, ISA MELSHEIMER alla Galerie Jocelyn Wolff, LUCA FREI alla Galerie Balice Hertling, PIERRE BISMUTH alla Galerie Bugada & Cargnel e ALEXANDRE ARRECHEA alla Galerie Suzanne Tarasiève.

Un progetto speciale di ISABELLE LARTAULT e MICHEL VERJUX, dal titolo Tout le reste est dans l’ombre, illuminerà la Tour Montparnasse. Ci saranno, poi tre cosiddetti “progetti nomadi”: Parade di RIRKRIT TIRAVANIJA e ARTO LINDSAY, RATP Metro line 14 di DOMINIQUE BLAIS e GHOST STATION RATP Metro line 9 di ENSAD. Dobbiamo infine far notare come l’enorme successo della manifestazione abbia spinto diverse altre città francesi ad “aggregarsi” con proposte spesso molto interessanti. Segnaliamo, in contemporanea a quella principale, le notti bianche dell’arte nelle città dell’area parigina di Boissy-le-Châtel, Romainville, Chelles, Étampes e Vincennes (quest’anno alla prima esperienza), mentre nel resto della Francia si segnalano Metz (Lorena), Charleville-Mézières (Champagne-Ardenne), Brison-Saint-Innocent e La Motte-Servolex (Rodano-Alpi).

Translate »