home Notiziario Thomas Ruff

Thomas Ruff

E’ in corso a Prato Thomas Ruff, progetto a cura di Pier Luigi Tazzi, che si pone come continuazione di un progetto iniziato nel 2002 con Spread: portare l’arte negli spazi della vita, del consumo, delle attività produttive, nel tessuto della città, quello del centro e quello periferico. In questa occasione il progetto si fa più preciso: riportare l’arte negli spazi del potere e negli spazi sociali; riappropriarsi dell’antica tradizione europea, dove l’arte era soprattutto agli spazi di potere, come chiese e palazzi pubblici. Tradizione interrottasi a fine Settecento, quando l’arte viene relegata in spazi appositamente dedicati, in collezioni e in musei.

I soggetti delle opere selezionate dell’artista tedesco presentate in questo evento espositivo partono dai primi e innovativi Portraits, i ritratti dei compagni d’accademia nei grandi formati che hanno reso Thomas Ruff celebre in tutto il mondo, fino ad estendersi ad altri campi di indagine, tra cui la fotografia digitale con il ciclo Nudes (1999/2002), immagini pornografiche in bassa definizione scaricate dal web su cui l‘artista interviene cambiando i colori o ripulendole da alcuni dettagli; la serie Substrat (2001-2004), basata su astrazioni da immagini di manga elaborate digitalmente, attraverso la quale Ruff stimola l’occhio del pubblico, invitandolo a confrontarsi con un soggetto che muta a seconda della distanza con cui è osservato. Tre i diversi ambienti che accolgono l’esposizione: Palazzo Banci Buonamici, oggi sede della Provincia, la Biblioteca Comunale Istituto Culturale e di Documentazione Lazzerini e, a Montemurlo, Villa Giamari, anch’essa sede della Biblioteca Comunale locale.

Translate »