home Recensioni Galleria Zero, Salon delle arti figurative e visive

Galleria Zero, Salon delle arti figurative e visive

Il Progetto Incipit II. Rete di esposizioni  tra Accademia e Territorio,  promosso dall’Accademia di Belle Arti di Lecce in collaborazione con otto gallerie d’arte attive sul territorio, conclude con Galleria Zero del MUST  il percorso espositivo itinerante, che ha coinvolto cinquantuno allievi dell’ ABA, la supervisione dei docenti ABA, Angelo Maria Monaco, Ester M. V. Annunziata, Patrizia Dal Maso, Marco Calogiuri, Pippo Bolognini, e la collaborazione di Serena Leonee Mario Corsetti.

Incipit II ha saputo creare, da maggio a novembre 2018, un costante movimento sinergico tra le competenze esordienti e le professionalità indiscutibili, che hanno fatto del progetto un valido e concreto esempio di empatica trasmissione di valori squisitamente culturali tra tradizione e contemporaneità.

Undici esposizioni che, interessando i comuni di Nardò, Galatina e Lecce, hanno avuto modo di fare comprendere quanto la ricerca artistica territoriale sia in grado di fungere quale punto di sutura tra identità e linguaggi interculturali, ovvero tra quelle colonne portanti che regolano il flusso osmotico dei ricambi generazionali, tendendo alla costruzione di un tessuto cittadino profondamente collaborativo nei confronti di un’arte, che da sempre riesce a situarsi quale monito comunicativo messo a servizio del  pensiero critico del singolo e del singolo-nella collettività.

Nel far questo, con l’ultima tappa, Galleria Zero di Incipit II sceglie di non ricorrere alla frenetica necessità di cercare sempre un comune denominatore tematico e rappresentativo, poiché è la ricerca stessa degli allievi ad essersi saputa modulare tra le vie della sperimentazione e la scrupolosità dell’indagine tecnica, senza per questo perder mai di vista il criterio museografico di una sinuosità ritmica, che affida alla disposizione cromatica la più leale direttrice percettiva tra eterogeneità in mostra.

È così che la Galleria Zero del MUST, con scorci aperti sul teatro romano leccese, ha sviluppato, a supporto e coronamento del progetto, un percorso artistico ben articolato ed equilibrato tra opere di pittura, scultura, decorazione, scenografia e grafica, facendo rilevare quanto i laboratori dell’ABA di Lecce abbiano aperto interessanti finestre sul panorama artistico contemporaneo e, sopra ogni altra cosa, come gli allievi abbiano saputo restituire, fuori dalle aule accademiche, un prezioso repertorio di idee, immagini e materiali che, affinato con un proprio personalissimo spirito di ricerca, rimarca l’importanza di trovare una generazione artistica pienamente dinamica, attenta al panorama artistico storico e pronta a contribuire alla rigenerazione di una nuova grammatica visiva e intellettuale.

 

GALLERIA ZERO

dal 9 al 23 novembre 2018

MUST Museo della città di Lecce

via degli Ammirati, 11, Lecce

Artisti in mostra:

Carolina Attanasio, Gianluca Barba, Gilda Bellino, Giulia Bisanti, Silvia Cappello, Angelica Centonze, M. Lorenza D’Agostino, Silvia De Carlo, Antonio De Maria, Mattia De Mirto, Simone Delle Rose, Anna Dormio, Aida Dzhafarova, Maurizio Leonardo Erario, Valentina Faggiano, Antonia Carmina Falcione, M. Cristina Frisullo, Alice Graziadio, Alessandro Incenso, Valentina Ivone, Serena Leone, Serena Lotto, Sara Manuguerra, Marika Nacci, Cosima Natali, Antonella Nesca, Cristina Panarese, Irene Parisi, Marta Passaseo, Tiziana Pellegrino, Daisy Peluso, Pietrangelo Pezzuto, Michela Pizzo, Noemi Potenza, Josefina Ranzi, Elisabetta Rescio, Danilo Ricciato, Antonella Rizzello, Ivan Romano, Giulia Razzunente, Maddalena Schiavone, Rebecca Schiavone, M. Rosaria Sedile, Leonardo Sparascio, Francesco Strabone, M. Giulia Tenuzzo, Federica Urso, Veronica Vergari, Raha Vismeh, Chen Zhu.

Con la collaborazione di:

A100 Gallery, Art and Ars Gallery, Fondo Verri, Galleria A.R.C.A., Galleria L’Osanna, Germinazioni IV, LO.FT locali fotografici, MUST