home Interviste Bruno Vescovo, Primo ballerino della Scala

Bruno Vescovo, Primo ballerino della Scala

Che cos’è l’arte? Un lavoro, oppure un hobby?

Secondo me l’arte non può definirsi né lavoro né, tantomeno, un hobby. L’arte non è altro che la sublimazione del proprio io. La danza, che è il mio caso, è forse la più antica espressione dell’uomo insieme al disegno. Ebbene, sono convinto che i nostri antenati, in quei momenti, riuscivano a “uscire” dal quotidiano e come in trance si sublimavano.

Vissi d’arte o vissi d’amore?

L’arte e l’amore non possono escludersi a vicenda, anzi sono convinto che siano complementari, con tutte le sfumature, appunto, dell’amore (gioia, felicità, dolore) e di qualsiasi forma d’arte (poesia, scultura, disegno, ecc.). 

Si dice che sia un tipo strano: hai mai incontrato o conosciuto un’artista?

Io sono un artista, ma non mi reputo così strano. A guardarli bene, sono strani pure i salumieri, i fruttivendoli, i baristi e tutti coloro che fanno parte del quotidiano. 

Si dice anche che sia un narcisista estremo. O un caratteriale disturbato?

Ma siamo tutti un poco narcisi e, del resto, guai se non ci piacessimo e non avessimo stima di noi stessi. Naturalmente è fondamentale conoscere i propri limiti.

Perché acquistare un quadro, un’opera d’arte?

Io-Noi siamo portati ad “ammirare”, quindi perché no, avendone i mezzi, acquistare un’opera d’arte che comunque può soddisfare i miei gusti, ma non quelli di un’altra persona.

In che misura è “ricco” un artista (contemporaneo)?

Dipende cosa si intende per ricchezza! Una persona può essere ricca (pecuniariamente parlando), ma arida di cuore; cosa che reputo orrenda. Meglio essere ricchi di sentimenti, anche negativi (ahimé), che avere conti in banca favolosi e “sentirsi” poveri.

Parlando di libertà, sei tentato a immaginare l’artista come un soggetto anarchico o vincolato dal sistema?

Sono convinto che un artista, al di là del suo credo politico, debba essere di tutti e quindi svincolato dalla politica. Personalmente reputo miserabili quegli artisti che hanno il cuore “a sinistra” e il portafogli “a destra”. Li ritengo opportunisti più che artisti, tout court.

Quali sono le esigenze di un’artista? Materiali o solo estetiche?

Un artista si nutre di estetica, ma ciò non esclude la partecipazione al quotidiano e, quindi, al materialismo.

Artisti o artiste, a chi daresti lo scettro?

Penso che un artista non abbia “sesso” e ribadisco che essere gradevoli non può essere né maschile, né femminile. Quindi assoluta parità: un re e una regina!