EDGE – W. M. Zanghi

Sabato 12 marzo 2016, alle ore 18.30 la galleria Drago artecontemporanea presenterà al pubblico gli ultimi lavori di William Marc Zanghi.

EDGE è il titolo di una mostra centrata sulla ricerca più recente dell’artista che, a pochi mesi dalla personale alla GAM di Palermo, mostra al pubblico le sue mappature, paesaggi astratti e li mette a confronto con uno dei suoi soggetti più noti ai collezionisti, le sue “Isole”.

Di questi lavori dice Maurizio Padovano:
“L’immaginario cartografico di Zanghi racconta la liminalità, il confine liquido tra il conosciuto e il conoscibile. Tale liminalità si costituisce in mappe che fanno a meno di indicazioni verbali, dei nomi di luoghi, di definizioni rigide del territorio: e questo perché coincidono con una realtà che non sarà mai quella che ci ritroviamo, o possiamo ritrovare, davanti agli occhi…

…Sono dunque mappe del tempo esistenziale quelle di Zanghi, un tempo che non può essere segnato sui calendari né scandito dagli orologi, con il suo carico di incubi e di naturale speranza. Mappe che non coincidono con ciò che ci ritroviamo davanti agli occhi, perché lo spazio che catturano e sintetizzano va oltre il puro dato percettivo. Si tratta di mappe che non disegnano superfici, ma rivelano, in tralice, una profondità che ne fa radiografie del sottosuolo dell’anima. Tracciati paesaggistici – ma di paesaggi agglutinati con la materia onirica e densi di un sentimento del tempo non misurabile in maniera discreta…

…L’occhio e l’immaginazione di Zanghi agiscono come la rete di satelliti che rende possibili le google maps: con la sola differenza che l’occhio di Zanghi è puntato con decisione sul pianeta meno mappabile di cui possiamo andare alla scoperta, cioè quello della nostra mente – intendendo con ciò il sistema interrelato e non solubile di cognitività ed emotività di cui siamo fatalmente impastati. Ed è per questo che quando ci immergiamo nelle sue mappe è come se scoprissimo qualcosa, che ci era ancora ignoto, sul nostro modo di intendere l’esistenza e di comprendere il mondo. E, in definitiva, su di noi stessi.”

L’intero articolo di Padovano è leggibile cliccando su questo link: https://www.facebook.com/notes/drago-artecontemporanea/entelechia-del-paesaggio-tentativi-di-riflessione-sulla-pittura-di-william-marc-/1164675930209313

William Marc Zanghi è nato a Wichita (Kansas) nel 1972. Vive e lavora a Palermo.

Principali Mostre Personali | Main Personal Exhibitions. 2016 -EDGE, Galleria Drago Artecontemporanea, Bagheria – William Marc Zanghi, Galleria Carta Bianca fine arts, Catania; 2015 – Zanghi/Pettena, Immagini di uno stare a cura di Lorenzo Bruni, GAM, Galleria d’Arte Moderna, Palermo; 2013 – Strade perdute a cura di Lorenzo Bruni RizzutoArte, Palermo; 2012 – Matteo Bergamasco | William Marc Zanghi, Villa Manin, Passariano di Codroipo, (Udine); 2011 – Bring there, Bianca ArteContemporanea, Palermo – Glue, Mito Contemporary Art Gallery, Barcellona; 2010 – William Marc Zanghi, con testi di Fabio Migliorati, Marco Meneguzzo e Laura Di Trapani, BonelliLAB, Canneto sull’Oglio (MN); 2009
– Vive Palermo!, Galerie Binz & Krämer, Köln, Germania; 2008 – Gwen Pool and William Marc Zanghi, Bonelli Contemporary, Los Angeles – Landscapes, Palazzo della Ragione, Asolo TV; 2007 – Siberia, BonelliLAB, Canneto sull’Oglio (MN); 2004 – Jungla d’asfalto, Galleria 61, Palermo.

Drago artecontemporanea
12 marzo/19 aprile 2016
Opening: sabato 12 marzo ore 18.30
Via prigione, 5 – Bagheria (PA)
http://www.drago-arte.it
info@drago-arte.it
339.6752646



Sto caricando la mappa ....

Data e Ora
12/03/2016 / 00:00

Luogo
Drago artecontemporanea