Mary Cinque L’illusione di Dedalo

Mary Cinque espone in questa sua prima personale romana un ciclo di dipinti su tela di medie e grandi dimensioni. “Non si può, scriveva Merleau-Ponty, «fare un inventario limitativo del visibile» ed è questo l’assunto che spinge la pittura, sia essa figurativa o astratta, a celebrare l’enigma della «visibilità». Per Mary Cinque, la pittura trova nella città un ideale complice al suo destino di celebrare l’enigma della visibilità. È quanto registra questo ciclo di dipinti dedicati a scorci urbani, tema ricorrente nel suo lavoro, nei quali ella ripropone sulla piana dimensione della tela, del foglio, della tavola, sia la dimensione dello spazio, sia quella più complessa del luogo. In sostanza l’artista strappa a Dedalo, mitologico custode delle arti dell’architettura e della scultura, l’illusoria certezza dello spazio per affidarla alla atemporalità dell’immagine. Lo fa riducendo i volumi a piane geometrie di colori piatti nelle quale l’architettura, la città intera  perde la sua definizione newtoniana per assurgere ad amalgama di tempo quindi di memoria e di futuro. La pittura diviene in tal senso un luogo altro del reale, carico di una valenza narrativa che è di chi prova a raccontare l’essere nel proprio tempo.” (Massimo Bignardi)

Mary Cinque (Napoli 1979) consegue la Maturità Classica ad Amalfi. Nel 2001 si diploma con lode in Pittura all’Accademia di Belle Arti di Napoli con la tesi in Storia dell’arte: “Materiali per una storia della grafica in Campania” (relatore: prof. Massimo Bignardi). Nel 2006 è Art assistant di Jennifer Blazina, docente alla Drexel University, Philadelphia (PA), U.S.A. Nel 2008 si diploma con lode presso il Biennio Specialistico Area del contemporaneo dell’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano, con la tesi in Economia e Mercato dell’arte: “Die Reise. La scena artistica berlinese oggi” (relatore: prof. Francesco Poli). Workshops: Isidro Blasco, Lorenzo Bruni, Gianni Caravaggio, Bianco-Valente, William Stok, Lucio Pozzi. Nel 2009 consegue il diploma di arte applicata in grafica e fotografia presso l’Istituto d’Arte U. Boccioni di Napoli.

 

Mary Cinque L’illusione di Dedalo

la pittura come reinvenzione dello spazio, che perde la sua definizione newtoniana per assurgere a pensiero

a cura di Massimo Bignardi

 22 settembre – 15 ottobre 2016

inaugurazione: giovedì 22 settembre 2016 ore 18

(dal martedì al sabato ore 16 – 19)

catalogo in galleria

Centro di documentazione della ricerca artistica contemporanea Luigi Di Sarro

Via Paolo Emilio 28 – 00192 Roma

Tel 063243513

www.centroluigidisarro.it; info@centroluigidisarro.it

invito-m5-x-web-copy



Sto caricando la mappa ....

Data e Ora
22/09/2016 / 18:00 - 23:30

Luogo
Centro di documentazione della ricerca artistica contemporanea Luigi Di Sarro