STILL NOTHING di GIULIO ZANET

ABC-ARTE

in collaborazione con MARYLING presenta la mostra:

STILL NOTHING di GIULIO ZANET
a cura di Ivan Quaroni
Vernissage, martedi 12 gennaio ore 18.30-21.30

Martedì 12 gennaio dalle ore 18.30, inaugurerà la quinta esposizione del programma di mostre proposto dalla galleria genovese ABC-ARTE, in partnership con MARYLING, e curato da Ivan Quaroni: si tratta di Still nothing, mostra personale dell’artista Giulio Zanet che resterà aperta fino al 31 gennaio, all’interno del multipurpose space di Piazza Gae Aulenti 1, Milano.

Durante il vernissage sarà possibile incontrare l’artista e sarà presentato il catalogo della mostra.

Giulio Zanet come molti, inizia a dipingere nel solco della tradizione figurativa, anche se nella sua indagine è evidente, sin da subito, l’insofferenza verso ogni formula narrativa e la predilezione verso una concezione destrutturata della rappresentazione. I primi vagiti aniconici della sua pittura nascono necessariamente dalla coscienza della fondamentale inadeguatezza del linguaggio figurativo che sorge soprattutto dall’estrema ridondanza d’immagini nella cultura contemporanea, connotata in ogni ambito, dai nuovi media all’advertising, da un pervasivo flusso di narrazioni visive.

In una condizione di permanente bombardamento informazionale, d’insistita e invasiva diffusione di narrazioni (e meta-narazioni) superficiali, l’abbandono dei moduli figurativi doveva sembrare a Giulio Zanet l’unica soluzione per ridare significato alla pratica pittorica. L’artista considera proprio la pratica pittorica come uno strumento di conoscenza. La ricerca di Giulio Zanet acquista un significato antropologico rilevante, perché testimonia non solo una forma di resistenza culturale ai codici della comunicazione massmediatica, ma anche una valida alternativa alle tradizionali logiche narrative.

Nel percorso dell’artista, il graduale passaggio da una figurazione destrutturata a un’astrazione ibrida corrisponde al tentativo di costruire un linguaggio capace di comprendere la vaghezza e l’imprecisione delle esperienze esistenziali.

Il titolo della mostra, Still Nothing (ancora nulla), infatti, suona come l’ammissione di un fallimento, di un naufragio permanente che però, socraticamente, elegge l’incertezza gnoseologica a valore esistenziale. Nel linguaggio pittorico di Zanet c’è una logica dell’imprecisione perfino quando pattern e textures prendono il sopravvento, frantumando ogni possibilità di racconto. Infatti, nei suoi dipinti, le immagini spesso si fissano in geometrie solide o piane, le linee si affastellano in strutture cartesiane e vibrano, come onde di energia, in vivide losanghe, ma è evidente che a muovere l’artista non è l’interesse per il rigore analitico delle forme, peraltro sempre incerte. Piuttosto, le geometrie imprecise e i pattern irregolari, stagliati su fondi magmatici in cui affiora la trama segnica e gestuale della pasta cromatica, costituiscono un tentativo di fare ordine nel caos, di arginare la confusa massa entropica delle esperienze vitali.

Zanet non ha l’approccio programmatico di un Gerhard Richter, che indagava con uguale rigore l’immagine mediatica e le forme tautologiche dell’astratto, ma piuttosto un’attitudine erratica e sperimentale, che consiste nell’interpretare la realtà con la sincera presunzione di fallire, ma anche con la fatale consapevolezza di dover tentare ogni volta l’impresa.

STILL NOTHING

ABC-ARTE for MARYLING

Piazza Gae Aulenti 1, Milano Lun – Dom: 9.00-21.00

ABC-ARTE Contemporary Art Gallery

http://www.abc-arte.com ; info@abc-arte.com T.+39 010.86.83.884

Comunicazione ABC-ARTE

press@abc-arte.com T.+39 010.86.83.884



Sto caricando la mappa ....

Data e Ora
12/01/2016 / 18:30 - 21:30

Luogo
ABC-ARTE for MARYLING