home Brevissime Hito Steyerl

Hito Steyerl

Lunedì 10 aprile si è tenuta la conferenza stampa, presso il Salone d’Onore dell’Accademia Albertina delle Belle Arti di Torino, dell’artista tedesca Hito Steyerl (Monaco di Baviera, 1966).

L’appuntamento, introdotto dal Direttore del Castello di Rivoli Museo d’Arte Contemporanea, nonché della GAM – Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Torino, Carolyn Christov-Bakargiev, segna una nuova e rinnovata collaborazione tra l’Accademia e le istituzioni museali cittadine.

Hito Steyerl è tra i teorici e artisti più influenti a livello mondiale. Il suo lavoro si concentra sul ruolo dei media, della tecnologia e della circolazione delle immagini nell’era della globalizzazione digitale. Sconfinando dal cinema all’arte visiva e viceversa, l’artista realizza installazioni in cui la produzione filmica viene associata alla costruzione di ambienti immersivi ed estranianti.

Per la mostra “L’emozione dei COLORI nell’arte” Hito Steyerl presenta l’opera Adorno’s Grey (2012) allestita nelle sale del Castello di Rivoli.

L’incontro con artisti contemporanei di fama internazionale è parte integrante di un nuovo progetto promosso dalla Direttrice Carolyn Christov-Bakargiev e l’Accademia Albertina che ha come obiettivo il favorire l’avvicinamento fra gli studenti e il mondo dell’arte sebbene l’appuntamento sia aperto al pubblico.

Fra le personali più recenti di Hito Steyerl si segnalano quelle al Museo Nacional Centro de Arte Reina Sofia di Madrid (2015), al Van Abbemuseum di Eindhoven (2014), all’ICA Institute of Contemporary Art di Londra (2014) e al Chicago Art Institute (2012). L’artista, che ha rappresentato la Germania all’ultima Biennale di Venezia (2015), ha esposto in importanti collettive quali la 13° Biennale di Istanbul (2013), la Biennale di Gwangju (2010), documenta 12 a Kassel (2007) e Manifesta 5 a Donostia-San Sebastian (2004).

TAGS:

Valeria Ceregini

Valeria Ceregini è una storica dell’arte, curatrice e scrittrice indipendente con sede a Torino e a Dublino, Irlanda. Ha conseguito la laurea magistrale in Semiotica presso l'Università di Torino e in Storia dell'arte contemporanea cum laude presso l'Università di Genova. Ha proseguito i suoi studi in storia dell’arte frequentando la Scuola di Specializzazione in Beni Artistici Storici dell'Università di Genova. Nel 2015 è stata Assistente Curatore presso la GAM - Galleria Civica d'Arte Moderna e Contemporanea di Torino, nel 2016 curatrice editoriale e archivista presso la Fondazione Centro Studi Piero Gilardi. Dal 2015 è contributore abituale per alcune riviste di settore e risulta vincitrice di diverse residenze europee per curatori. Dal 2017 collabora come curatore con il Pallas Projects/Studios di Dublino e con la SEA Foundation di Tilburg, Olanda.