home Notiziario I Martedì Critici – Massimo Uberti

I Martedì Critici – Massimo Uberti

altro spazio_urbertiOspite del terzo appuntamento dei Martedì Critici al Museo Pecci di Milano sarà Massimo Uberti (Brescia, 1966) a cura di Alberto Dambruoso e Stefano Pezzato con la collaborazione di Sara De Chiara e sostenuto dalla Regione Toscana e dal Comune di Prato. Il progetto de I Martedì Critici nasce nei primi mesi del 2010 da un’idea del critico d’arte Alberto Dambruoso, il quale dopo aver rilevato la casa-studio di un artista trasferitosi a New York, ne intravede la potenzialità di un utilizzo artistico/ pubblico e inizia così ad aprire le porte di casa per dare vita a degli incontri – dibatto tra l’opera, l’artista, i critici e il pubblico, della durata di una sera. Gli artisti invitati ai Martedì Critici sono selezionati secondo vari criteri, sono artisti che hanno una rilevanza nazionale, se non internazionale, dai giovani emergenti già riconosciuti ai maestri storici. La trasversalità dei loro linguaggi, dalla pittura, alla scultura, al video, all’installazioni, alla fotografia,… La loro capacità di esprimere un pensiero che articoli questioni legate alla contemporaneità dell’arte ed alla poetica personale.

Dopo una formazione come pittore, Massimo Uberti passa alla fotografia, fino a trovare nell’uso del neon lo strumento essenziale per presentare la sua ricerca sullo spazio e dell’architettura. I suoi lavori sono il risultato di una sottrazione di materia, fino a raggiungere l’ essenzialità, la leggerezza, dove le architetture di neon costruiscono spazi in maniera inedita, mettendo in crisi i concetti di esterno e interno, di pieno e di vuoto. Gli elementi del suo lavoro sono forme semplici, simmetriche, estrapolate dalle architetture reali e sottoposte a un processo di riduzione. Le sue fonti di ispirazione sono i disegni di città ideali, realizzati nel corso della storia; città utopiche, raramente portate a compimento, le cui linee che tracciano i contorni e le strade, corrispondono a misteriose geometrie, spesso provenienti dalle carte del cielo. Queste cartografie sono state tradotte da Uberti in motivi di tappeti e in installazioni luminose, in cui tubi di neon scandiscono il ritmo della città, conservando il senso enigmatico che ne ha generato il pensiero.

Tra le principali esposizioni personali di Massimo Uberti: Il trillo del diavolo e Signori si chiude!, Spazio di via Lazzaro Palazzi, Milano, 1990 e 1991; La ricchezza, a cura di S. Risaliti, Accademia di Belle Arti di Brera, Milano, 1994; Maestà dell’invisibile, a cura B. di Della Casa, Veragouth Arte Contemporanea, Lugano, 1996; Città invisibile, a cura B. di Della Casa, Istituto d’Arte Depero, Rovereto, 1997; Dessin du Dessin. Vetrines du hall, École des Beaux Art, Valenciennes, 1998; Abitare, Care/Of, Cusano Milanino, Milano, 1999; Lucedòro, a cura di P. Magni, Complesso monumentale di San Salvatore in Lauro, Roma, 2001; Gate now open, N.O. Gallery, Milano, 2008; NEVER OFF, Galleria Spazioborgogno, Milano, 2011; Annottazioni e mancate risposte, con Emanuele Becheri, a cura di M. Panzera, Galleria aplusbcontemporary Brescia e Linee di costruzione, Gall. Nilufar, Palazzo Durini, Milano, 2012. Tra le recenti mostre collettive: Arte e Altro, a cura di R. Siligato, L.Pratesi, Palazzo delle Esposizioni, Roma, 1993; Campo, a cura di F. Bonami, Biennale di Venezia, 1995; Generazione Media, Palazzo della Triennale, Milano, 1998; Uberti ha rappresentato l’Italia alla mostra Ev+A 2003, a cura di V. Perez-Ratton, City Gallery of Art, Limerick Irlanda; Filoluce, a cura di R. Ferrario, Museo della Permanente, Milano, 2005; Intangibile Routes in Estrecho Dudoso, a cura di V. Perz-Ratton, T. Diaz, Museò de Diseno y Arte Contèmporaneo, San Josè, Costa Rica, 2006; Altra natura, a cura di S. Pezzato, Spazio Pecci, Milano, 2011; Neon, la materia luminosa dell’arte, a cura di B. Pietromarchi, D. Rosenberg, Macro, Roma, 2012 e la mostra attualmente in corso al Museo Pecci di Milano, Parole, parole, parole.

Associazione culturale I Martedì Critici, Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato
Museo Pecci – Ripa di Porta Ticinese, 113 – Milano
martedì ore 19.30-21.30

Translate »