home Eventi Il martedì di Lia Rumma al Maxxi

Il martedì di Lia Rumma al Maxxi

LiaRumma.205236Con la gallerista italiana Lia Rumma il MAXXI apre ai “Martedì Critici”, curati dall’associazione omonima, gli incontri con i protagonisti della scena contemporanea, in occasione del quarto appuntamento della quinta stagione di questa interessante iniziativa e della sua formula ormai consolidata ovvero l’intervista pubblica, per l’occasione condotta da Alberto Dambruoso e Guglielmo Gigliotti. Nasce a Voghera la parabola di Lia Rumma, oggi affermata gallerista di notorietà internazionale, approdata al mondo dell’arte contemporanea negli anni Sessanta grazie al marito Marcello e il cui percorso ormai ultraquarantennale racconta un pezzo di storia dell’arte dentro e fuori Italia. Lia e Marcello Rumma inventano a Salerno mostre di artisti emergenti e la storica rassegna Arte Povera + Azioni Povere del 1968 negli antichi Arsenali di Amalfi. Nel 1971, rimasta vedova, Lia Rumma sbarca a Napoli con una nuova galleria e una mostra di Joseph Kosuth. Da sempre attenta ai movimenti sperimentali, come Arte Povera, Minimal Art, Land Art, Conceptual Art, porta poi a Napoli e in Italia i più interessanti filoni di ricerca che si sviluppavano in quegli anni a livello internazionale. Tra gli anni Settanta e Novanta, Rumma organizza mostre di artisti tra cui Burri, Judd, Longo, De Dominicis, Pistoletto, Bonalumi, Mondino, sempre guidata da intuito e da una grande passione. Secondo le parole della gallerista: “Vendere un’opera d’arte è offrire agli altri un’idea. Ma un’idea bisogna elaborarla, coltivarla, farla propria. Ho sempre guardato prima all’artista e poi al mercato. Per me gli artisti sono come dei compagni di viaggio verso la conoscenza”. Rumma ha sempre instaurato con gli artisti un rapporto privilegiato, il cui simbolo è la sua casa-galleria a Napoli, in cui è celebrato il connubio di arte e vita, e che ha visto negli anni il susseguirsi di una serie di artisti tra cui Anselmo, Gilbert & George e Matarrese. Nel 1999 Rumma decide di aprire un nuovo spazio a Milano in via Solferino, inaugurato con la personale di Enrico Castellani. Tra gli artisti compaiono Beecroft, Kentridge, Neshat, Abramovic, Jaar, Steinbach. Numerose opere presentate nelle sue mostre sono entrate a fare parte di collezioni museali: un grande aereo di piombo di Kiefer (artista che lanciò in Italia nel ’92) si può vedere al San Francisco Museum e nel 2004 la stessa Rumma ha curato l’installazione permanente de I Sette Palazzi Celesti, dello stesso autore, presso l’Hangar Bicocca di Milano. Con una mostra di Spalletti, Rumma ha inaugurato nel 2010 il nuovo spazio in via Stilicone a Milano, in un’ex fabbrica nei pressi della Fabbrica del Vapore; uno spazio grande e imponente, un vero e proprio palazzo-museo, che funge da luogo per ammirare l’arte, ma anche capace di accogliere, ospitare, e far dialogare.

Translate »