Il Pecci di Prato apre una call per curatori in cinema, musica e teatro-danza