home Eventi La città perfetta di Olivo Barbieri

La città perfetta di Olivo Barbieri

MAXXI_OlivoBarbieri_LaCittàPerfetta_Cattolica, Rimini 2015Una nuova opera entra a far parte della collezione del MAXXI. Si tratta di La città perfetta di Olivo Barbieri: migliaia di immagini in movimento che raccontano dall’alto 400 km di costa Adriatica da Vasto a Ravenna, attraversando Abruzzi, Marche e Emilia Romagna.
L’opera, commissionata dal MAXXI Architettura e realizzata con il sostegno di Eni, sarà esposta al museo dall’11 novembre 2015 al 3 gennaio 2016, nell’ambito della mostra Olivo Barbieri. Immagini 1978-2014, l’antologica che attraverso fotografie, film e altri materiali racconta il percorso artistico del maestro della fotografia, dalla fine degli anni Settanta a oggi.

Dice Barbieri “La città perfetta è un film urticante di 7942 immagini fisse riprese dall’alto, intercalate da partiture cromatiche rosse nella parte estiva, rosse verdi e blu, RGB (colore bianco) nella parte autunnale, e 22 sequenze filmate da terra. Il film racconta un’area definita, senza applicarsi a un approccio documentario o descrittivo”.
Piena di storia, geografia, economia, turismo, bellezza e orrore, la città adriatica – considerata perfetta per il suo mix esemplare di qualità della vita e spreco ecologico – mostra in modo più chiaro che altrove le complessità e contraddizioni dell’urbanesimo contemporaneo, dove le distanze fisiche non sono importanti, dominano le strade e le ferrovie “a bordo spiaggia”, l’avanzare della nuove tecnologie industriali confligge con la sopravvivenza del paesaggio, tutti vogliono abitare in una casa monofamiliare ed è impossibile capire se l’edificio che osserviamo è un’abitazione urbana, rurale, turistica o magari un piccolo nucleo produttivo. O tutto questo insieme. Per raccontare un territorio così specifico e allo stesso tempo così ricorrente nel mondo, il MAXXI ha chiesto a Olivo Barbieri di salire ancora una volta su un elicottero e di filtrare attraverso la sua visione le immagini delle spiagge e dei monumenti, delle autostrade e delle istallazioni industriali, delle eccellenze e delle ferite profonde che caratterizzano questi luoghi, dalle spiagge popolosissime di Rimini al Palazzo Ducale di Urbino, dal Lazzaretto di Vanvitelli alle valli dei fiumi invase da case, casette, fabbriche e capannoni, non di rado d’autore.

L’Adriatico e l’area del Mediterraneo inoltre, attraverso i flussi contradditori dell’emigrazione clandestina – illegale e tragica – e dell’industria del divertimento – estremamente organizzata – è percepita come iperproduttiva e a tratti aggressiva. Quando la realtà viene percepita come aggressiva, anche le immagini lo diventano. La città perfetta è un dispositivo che produce stimoli visivi, dal fondo irritato dell’iride entra nell’immaginario del ricordo dei luoghi. Crea traiettorie impreviste e ridefinisce temporalmente e spazialmente ciò che credevamo consolidato.

La CITTA’ PERFETTA, a cura di Pippo Ciorra (Senior Curator MAXXI Architettura) con Francesca Fabiani e Cristiana Colli, è parte della serie site specific_, cui è dedicata una sezione della mostra al MAXXI, tra i più noti progetti di Olivo Barbieri, avviato nel 2003 e dedicato all’indagine sulla forma della città. L’artista ha sorvolato su un elicottero oltre 40 città in tutto il mondo, da Roma a Shanghai, da Las Vegas a Siviglia, da Torino a Montreal, da Beijing a Los Angeles, da Amman a New York, da Brasilia a Tel Aviv. Osservate dall’alto, esse appaiono come modelli in scala, ribadendo l’ambiguità esistente tra la realtà, la sua rappresentazione e il modo in cui la percepiamo.

L’opera è stata realizzata con il sostegno di Eni e grazie alla collaborazione del Corpo Forestale dello Stato e Associazione Demanio Marittino KM – 278
Uno speciale ringraziamento al Comando Regionale del Corpo Forestale dello Stato delle Marche e al Centro Operativo Aeromobili del Corpo Forestale dello Stato.

MAXXI – Museo nazionale delle arti del XXI secolo
www.fondazionemaxxi.it – info: 06.320.19.54; info@fondazionemaxxi.it
orario di apertura: 11.00 – 19.00 (mart, merc, giov, ven, dom) |11.00 – 22.00 (sabato) | chiuso il lunedì,

UFFICIO STAMPA MAXXI +39 06 322.51.78, press@fondazionemaxxi.it

TAGS:

Roberto Sala

Art director della rivista Segno insegna Grafica editoriale all’Accademia di Belle Arti di Brera

Translate »