home Brevissime La famiglia Floridi Doria Pamphilj apre al contemporaneo con il Premio Memorie#

La famiglia Floridi Doria Pamphilj apre al contemporaneo con il Premio Memorie#

CLAVIS UNIVERSALIS di Jasmine Pignatelli, fotografata da Marcello Leotta negli appartamenti privati di Palazzo Doria Pamphilj Roma

Esattamente un anno fa si presentava l’anno “zero” di quello che oggi è il Premio Memorie# con l’opera firmata da Paola Romoli Venturi “Memorie: main memory, by heart, par coeur“. A distanza di dodici mesi il Premio si consolida e fissa i criteri e i termini per l’appuntamento del 2019. Clavis Universalis di Jasmine Pignatelli vince la prima edizione del premio rispondendo al tema Memorie#Confronti: “Un grande cubo trasformabile in plexiglass, un sistema di visione, una macchina oculare nella quale affacciarsi e scrutare il mondo che si crea al suo interno”. Così è presentata l’opera dall’autrice facendo riferimento al titolo ispirato a un trattato del catalano Raimondo Lullo, che nel 1274 elaborò una teoria filosofica di sviluppo della memoria umana, basata sulla sua geometrizzazione. La memoria, “chiave universale” per la comprensione dell’universo incomprensibile diventa uno spazio prospettico amplificato a “confronto” con uno spazio inquieto, instabile e variabile che per effetto dell’elevato coefficiente di rifrazione del materiale, entra nell’opera trasformandone la percezione. Lo spazio come materiale e la geometria come sistema di riferimenti relazionali sono tra i temi affrontati Angelandreina Rorro in un ragionamento condiviso con l’artista, all’interno del catalogo che presenta l’opera e che accompagna la mostra itinerante. Il Premio oltre ad essere un’occasione per gli artisti per misurarsi con i temi con cui si declina ogni anno la radice Memorie#, è soprattutto un momento di confronto con il passato e con le opere storicamente legate alla famiglia Floridi Doria Pamphilj. Clavis Universalis e le opere di arte antica selezionate da Massimiliamo Floridi, saranno coinvolte in una mostra, un tour che toccherà i luoghi e le residenze più significative della famiglia Floridi Doria Pamphilj in Italia. Il “Grand Tour” si apre ufficialmente il 24 marzo con la mostra presso la Villa del Principe a Genova che per l’occasione inaugura due nuove sale (il corridoio o andito di Ermes e la Sala di Mercurio ed Apollo) per poi concludersi a dicembre presso il Palazzo Doria Pamphili a Roma. Uno degli intenti del trust è quello di recuperare il ruolo della committenza, promuovendo la produzione di opere site specific, sviluppate e declinate su temi cari alla famiglia. Il “tradimento” è il tema del futuro Premio 2019.

Il Premio Memorie# indetto dal Trust Floridi Doria Pamphilj è sostenuto da Lucia Viscio e sponsorizzato da Viscio Trading, BCC di Roma e Rotary Club Roma Cassia nell’ambito dell’#100actsofgood.

Clavis Universalis è esposta in anteprima dal 9 al 18 marzo nello spazio antistante della chiesa di Santa Maria in Cappella a Trastevere Roma, Fondazione Santa Francesca Romana.

Domenica 18 marzo 2018, ore 18
Fondazione Santa Francesca Romana
vicolo Santa Maria in Cappella 6, Roma