home Recensioni La SUPERBELLEZZA di CasermArcheologica

La SUPERBELLEZZA di CasermArcheologica

Inaugurata lo scorso 15 dicembre e preceduta  da una conversazione fra il curatore Michele Dantini e gli artisti Luca Bertolo e Flavio Favelli in presenza degli studenti del Liceo “Città di Piero”, la mostra SUPERBELLEZZA, sostenuta dal progetto Toscana Incontemporanea 2018, porta in scena opere recenti dei due artisti allestite all’interno dei suggestivi ambienti di Palazzo Muglioni, sede di CasermArcheologica, associazione culturale che ne cura la gestione artistica. Difatti il laboratorio di pensiero che è attualmente questa struttura così come lo conosciamo oggi, non sarebbe tale senza il lavoro di recupero, qualificazione e valorizzazione svolto dall’associazione in questione e iniziato nel 2013 da Ilaria Margutti, poi affiancata da Laura Caruso.

L’evento, attraverso cui il collettivo in questione – che già annovera collaborazioni con personalità di rilievo – compie un significativo avvicinamento alla curatela scientifica, coinvolgendo l’intero centro di Sansepolcro, oltrepassa le mura della sede espositiva per contagiare il borgo con interventi artistici dalla portata urbana, come la collocazione di un grande arazzo eseguito in coppia dai due autori e l’affissione di due loro opere in vari spazi pubblici. La mostra, che sarà oggetto di una pubblicazione realizzata dalla casa editrice indipendente specializzata in editoria d’arte Boiteeditions, riflettendo anche sulle dinamiche che si instaurano fra opera d’arte, fruitore e spazio ospitante (contesto), è un invito a soffermarsi – come afferma il curatore – “sul tema della potenza dell’immagine e sulle vie attraverso cui l’arte, qualunque sia la sua strada, arriva alla creazione”. In ciò il dialogo fra i due artisti e di riflesso con le peculiarità di un sito del genere, pur nelle riconoscibili specificità di ciascuno, appare costruttivo e il confronto con la loro ricerca, denotabile in entrambi i casi per un’evidente inclinazione alla sperimentazione sia tecnica che di concetto, dimostra, nonostante le estetiche differenti dei risultati esposti, interessanti consonanze nella capacità di creare cortocircuiti.

La manifestazione sottende anche un silenzioso omaggio a Piero della Francesca, genius loci del territorio e autore di una bellezza che supera i confini della semplice rappresentazione (una super-bellezza), così come la corale dislocazione del progetto valica i limiti fisici del luogo espositivo tradizionale e così come gli interventi di Luca Bertolo e Flavio Favelli, trascendono dai mezzi utilizzati e dagli esiti conseguiti per definirsi su altri livelli di lettura.

SUPERBELLEZZA

a cura di Michele Dantini

CasermArchelogica

Via Niccolò Aggiunti 55

Sansepolcro

Fino a domenica 10 febbraio 2019.