Marco Bagnoli, Giardino di Boboli Firenze