home Interviste Roberto Passarella

Roberto Passarella

1)

Ammazzare il tempo: con quali armi?

Credo con nessuna. Siamo partecipi del Tempo, qualsiasi nostra azione è possibile proprio grazie ad esso. Piccole o grandi cose, azioni più o meno importanti, nulla fa differenza. Se volessimo ingannare il Tempo finiremmo per ingannare soltanto noi stessi.

2)

“Da qui all’eternità”: è un lungo viaggio, in quale stazione fermarsi?

Si potrebbe fare una sosta in tutte le stazioni che si vuole. Di sicuro il Tempo e lo Spazio non mancano…

3)

Scrive Montale: “…..L’attesa è lunga, il mio sogno di te non è finito”. Ma i sogni finiscono? O si interrompono?

E’ probabile che finiscano… e poi che resuscitino. Se si interrompessero sarebbero solo pensieri. Il sogno ama se stesso. Una volta finito, qualora le immagini dovessero ricomparire, questo sarà il segno che si tratta di un sogno diverso… riesumato, dunque diverso.

4)

“Sarei inarrestabile se solo riuscissi a incominciare”: quali pronostici per il “quando”?

Il (chissà) “quando” è un gioco d’illusione, esattamente come il mettersi alla prova: entrambi non conoscono vie di mezzo.

5)

ieri, oggi, domani: un labirinto dove perdersi o ritrovarsi?

Perdersi e ritrovarsi, non indicano, per vari aspetti, la stessa cosa?

6)

Che cosa fischietti a tempo perso?

Motivetti che mi vengono in mente. Per tutto il resto del Tempo risuono in testa la musica dei grandi compositori, in particolare modo Bach e Brahms.

7)

Un giornalista ha chiesto in una intervista a John Lennon: prevedi un tempo in cui andrai in pensione? Le leggende non vanno mai in pensione, o no?

Siamo noi a non volerle pensionare. Credo che molte di loro invece lo apprezzerebbero tantissimo. Forse verrebbero apprezzate di più per quel che sono e che sono state.

8)

Ogni “sabato del villaggio” allude a delle aspettative: quali sono le tue, quelle che reputi migliori?

Una nuova grande epoca d’oro, con tutti i suoi pregi e difetti. 

9)

Nell’Eclipse, dei Pink Floyd, il testo “it’s all dark” non prevede l’attesa di un’alba, di un lato illuminato della luna. E’ solo un’illusione?

Credo che l’illusione sia l’altra faccia della “realtà”. Si arricchiscono a vicenda. Ciò che conta per noi, semmai, è da quale punto di vista si guarda all’una o all’altra.

Roberto Passarella