Maurizio Cattelan, Ghetto di Varsavia