home Eventi Raysse e Dahn Vo a Venezia

Raysse e Dahn Vo a Venezia

Martial Raysse, Comment ca va IrmaPalazzo Grassi e Punta della Dogana si aprono alla doppia mostra con cui Pinault Collection presenta la programmazione espositiva del 2015, con Martial Raysse e  Danh Vo.

Raysse è uno dei più significativi pittori francesi degli ultimi sessant’anni,  vincitore del Praemium Imperiale 2014, e la mostra, che parte da domenica 12 aprile 2015 a Palazzo Grassi, accoglie una grande retrospettiva, ospitata nell’atrio e in entrambi i piani dell’edificio, la prima monografica dedicata all’artista al di fuori della Francia dal 1965. Curata da Caroline Bourgeois in stretta collaborazione con Martial Raysse, l’esposizione raccoglierà più di 300 lavori – pitture, sculture, installazioni al neon e video – di cui circa la metà mai esposti al pubblico. Il percorso espositivo, tematico e non cronologico, offrirà un nuovo punto di vista sul lavoro di Martial Raysse sottolineando, da un lato, la varietà della sua produzione artistica e, dall’altro, mettendo in evidenza il dialogo e la risonanza continua che l’artista è riuscito a instaurare tra le sue opere nel corso di sessant’anni di carriera.
Il lavoro di Martial Raysse è stato presentato in numerose istituzioni internazionali, come lo Stedelijk Museum, Amsterdam; il Musée d’Art Moderne de la Ville de Paris;  SMAK, Gand; The Menil Collection, Houston USA. Raysse è stato protagonista di importanti mostre personali, in particolare alla Galerie Nationale du Jeu de Paume, Parigi; al Musée Picasso, Antibes e più recentemente al Centre Pompidou, Parigi. Ha anche rappresentato la Francia in occasione della 33° Biennale d’Arte di Venezia (1962).
Questa esposizione fa parte del programma di mostre monografiche dedicate ai maggiori artisti contemporanei  – inaugurato da Palazzo Grassi nell’aprile 2012 con Urs Fischer e proseguito nel 2013 con Rudolf Stingel – che si alternano alle esposizioni tematiche con opere della Pinault Collection.
In contemporanea a Punta della Dogana aprirà “Slip of the Tongue”, un progetto espositivo inedito, curato da Danh Vo in collaborazione con Caroline Bourgeois. Per la prima volta un artista è invitato a portare uno sguardo sulle opere che compogono la collezione Pinault  per concepire una mostra.
Danh Vo, artista nato in Vietnam nel 1975 e trasferitosi con la sua famiglia in Danimarca all’età di quattro anni, spesso ripercorre nel suo lavoro la Storia alla luce della sua storia personale. Progettata appositamente per Punta della Dogana, la mostra segue un percorso che suggerisce un dialogo tra il lavoro dell’artista e una selezione di opere della Pinault Collection e sarà completata da ulteriori opere antiche o contemporanee.
Il lavoro di Danh Vo è già stato presentato in alcune delle più prestigiose istituzioni internazionali: Fundación Jumex Arte Contemporáneo,  Mexico (2014-2015); Solomon R. Guggenheim Museum, New York (2013); Musée d’Art Moderne de la Ville de Paris (2013); Kunsthaus Bregenz, Austria (2012); National Gallery of Denmark, Copenhagen (2012, 2010); Kunsthalle Basel, Svizzera (2009); MoMA, New York (2009). Danh Vo ha anche partecipato alle Biennali di Shanghai, nel 2012 e di Venezia, nel 2013. Nel 2015 rappresenterà la Danimarca alla 56esima Biennale di Venezia.

Paolo Ferri

Translate »